Canto popolare aquilano per cori polifonici

La Campanella della Coscenzia” è un canto aquilano breve, ma intenso e coinvolgente.

La Poesia di Maria Luisa Frasca, la musica del maestro Camillo Berardi, e la stupenda voce solista di Emanuele Nanni  accompagnati con semplicità dal gruppo corale “La Scerta” ,  si fondono svelando l’armoniosa tristezza della vita.                             

Non è stato facile esprimere con poche immagini il rapporto profondo, segreto, che lega la coscienza all’inconscio. Una foto, un’immagine, apparentemente statica, può risvegliare ricordi diversi, in momenti opposti della vita.

Anche il ricordo più dolce o tenero si tramuta nel tempo, in mille sfaccettature e, alla fine, non trasmette più gioia, bensì rimpianto, o rimorso, o dolore.

La coscienza e l’inconscio, apparentemente così contrastanti tra loro, s’incontrano in un dipinto, ma anche in una foto, in una musica o in una poesia,  tentano di uscire fuori e di trasmettere qualcosa. E’ solo un tentativo, ma quel

bambino che appare e sorride, limpido, pulito, dolce, è stato ed è, forse, tuttora presente in ognuno di noi e vuole tornare, di nuovo, ad essere.

Per alcuni è un dolce rimpianto, per altri un rimorso o un sogno troppo lontano.

I ricordi espressi dal cuore subiscono una mutazione continua, sono lontani e vicini, opachi o vividi, sembrano affievolirsi, ma sempre, inesorabilmente, ritornano.

Respiri di memorie scolpite nel cuore, in pulsante, inesorabile mutazione.

Concetta Persico

 LA CAMPANELLA DELLA COSCENZIA

Versi di Maria Luisa Frasca

Musica di Camillo Berardi

Video illustrato da Concetta Persico

Esecuzione del Gruppo Corale “La Scerta”  

 RITORNELLO

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanè.

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

resona pe’ mmi’.

1^ STROFA

Voci che chiameno  

voci che bisbijeno

forse me vonno fa’ addurmi’

forse me resvejieno

me sento lucido

ma non è  ccusci’

che me succede, chi lo sa,

mo’ non so’ cchiu’  ji’ (ora non sono più me stessa).

Visioni spunteno

le vurria caccia’

come me rattristeno, pecche’

non se po’ sugna’.

 RITORNELLO

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanè.

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

resona pe’ mmi’.

2^ STROFA

J’ occhi se chiudeno

ji pensieri sfumeno

ma chi è  ‘ssu citulu essu la’

che me ‘ice: “guardame!”

Pare ‘e conoscejiu

s’assumjia a mi’

oh guarda ha smissu de  ‘joca’

se vo’ avvicina’.

Sento  ‘na pàsima (una stretta al cuore),

‘nsaccio che vole’

j’occhi me se rraprono pecche’

non vojo sape’.

 RITORNELLO

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanè!

Strano! Ecco è tutt’è silenziu

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

ma ‘na campanella

resona pe’ mmi’.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *