Una melodia per ricordare Amatrice

Un melodia del cuore per Amatrice: “MATRIX PULCHERRIMA”

Un canto dolce e struggente accarezza le ceneri di Amatrice e le anime ferite dal sisma.  

 

Canto “Matrix Pulcherrima”

Testo di Concetta Persico

Musica di Camillo Berardi

Cantante Mara Vittori

Al pianoforte Emanuele Mancini.

Sono passati tre anni dal sisma che ha annientato la cittadina di Amatrice, insieme all’incuria dell’uomo, e il borgo appenninico è diventato un deserto di polvere, di speranze e di sogni infranti.

In questo scenario inquietante, dominato dal silenzio profondo, dalla desolazione e dall’abbandono – ancora oggi presidiato dalla vigilanza armata – aleggia un canto dolce e struggente, che accarezza con l’emozione del cuore le anime ferite e svuotate dal sisma: è intitolato ”Matrix Pulcherrrima” ed è stato scritto con versi di Concetta Persico e musica di Camillo Berardi.

La voce semplice e suadente di Mara Vittori esegue questa canzone dedicata alla cittadina di Amatrice sepolta dalla polvere delle sue macerie. Il paese che fino al 1927 apparteneva all’Abruzzo, essendo un Comune della Provincia dell’Aquila, nel 2015 era entrato a far parte del Club dei “Borghi più Belli d’Italia”.

A tutt’oggi la ricostruzione è al palo e il paese “resiste e sopravvive” in questa melodia di commovente mestizia ed infinita e accorata dolcezza.

Insieme al paese è sparito anche uno straordinario patrimonio storico-artistico, impreziosito dai pregevoli dipinti quattrocenteschi che istoriavano le cento chiese di Amatrice. Questi suggestivi monumenti avevano resistito ai terribili terremoti del passato.

Il video, con l’esecuzione del canto, è stato realizzato con le immagini di alcune di queste  opere d’arte ed è accessibile tramite il link di seguito riportato:

Camillo Berardi


YouTube Direkt

 

 

MATRIX PULCHERRIMA

 

Versi di Concetta PERSICO

Musica di Camillo BERARDI

 

 

1) Canzune mie

scritta solu pe’ ti’

pe’  ‘na bbella città

che oramai

‘nci sta cchiù.

Me so’ arrubbatu

storie e memorie

e mo’ luntane

ji’ le puorte nel côre.

Tanti bbei sugni

dôci recurdi

no’ li vojio scurda’

pecché ji’

t’amo assa’.

 

2) Lu côre mie

cchiù nun vôle armeni’

è remastu lassù

‘nzieme a ti’

vôle sta’.

Te ne’si’ annata

’na notte scura

lu terremotu

ha scuratu la luna.

‘Nu munnu vivu

‘entr’a lu côre

nun se po’ cchiù scurda’

’nzieme a ti’

vojio sta’.

 

3) Paese mie

vojio solu mori’

addurmita accuscì

coma ti’

vojio sta’.

Ji’ so’ sugnatu

pe’ tante notti

ombre de sole

e co’ l’anema ‘n côre.

Ne’ miei pensire

solu l’amore

nun te pozzo svejia’

ma co’ ti’

vojio sta’.

 

4) Amore mie

nun te pozzo scurda’

‘nu paese accuscì

coma ti’

nun ce sta’.

Si’ statu ‘n sugnu

troppu filice

a’ ta’ armenire

si’ ‘n’araba fenice.

Macerie e sassi

mort’ e dolore

si’ ‘na smania d’amor

senza ‘e ti’

pena il côr.

 

5) Paese mie

ji’ te vojio sugna’

coma fussi realtà

pe’ pote’

returna’.

Revedo simpre

co’ tantu amore

lu tempu annatu

me reccrocca lu côre.

Tantu splendore

tantu dolore

ji’ mo’ vojio turna’

solu a ti’

saccio ama’.

 

6) O sugnu mie

ariviemm’a rtruva’

tuttu bbejiu sarà

senza ‘e ti’

‘nze po’ sta’.

Quanno arenasci

pîna de luci

tu me rappicci

‘na sperella nel côre.

Si’ ‘nu rempiantu

‘ruci lu côre

mo’ redevi fiori’

‘n poi mori’

‘nzieme a mi’.

 

FINALINO

Paese mie

nun te pozzo scurda’

lu recordu de ti’

po’ bbasta’

pe’ campa’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *