Tendinite della zampa d'oca

Scrivo questo post soprattutto per sapere se qualche amico blogger ha avuto o conosce questa patologia ed eventualmente come l’ha risolta.

Mia madre , ormai da diversi mesi soffre di un dolore forte e persistente al ginocchio sinistro diagnosticato come "tendinite della zampa d’oca".

Pochi e inutili sono stati i vari antinfiammatori, infiltrazioni, sedute di magnetoterapie, elettroterapia , laserterapia ecc. ecc. 

Sicurmente per via dell’età ci sarà anche una componente di artrosi.

L’ortopedico comunque non ha messo in evidenza che quest’ultima possa essere collegata a questo perenne stato doloroso.

Se qualcuno può darmi qualche altro consiglio da proporre a mia mamma,  sarà ben accetto .

Lei è una persona molto attiva e essere bloccata da questo dolore insistente la mette K.O. anche dal punto di vista psicologico.

Ho  pensato anche di proporle dei fanghi termali, sapete se hanno controindicazioni?

Per fortuna ha il suo PC col suo blog dove cerca di distrarsi chattando con tanti amici!

 

 

 

 

Che cos’è la zampa d’oca?

La zampa d’oca, che deve il suo nome al peculiare aspetto anatomico, è un tendine comune a 3 muscoli, il gracile, il sartorio e il semitendinoso. Essa si inserisce sulla faccia interna della tibia, subito al di sotto dell’articolazione, ed è separata dal sottostante legamento collaterale mediale attraverso una borsa sierosa di scorrimento.

2 commenti

  1. L’uso prolungato di FANS (antinfiammatori antidolorifici), senza peraltro ottenere un grande giovamento, può produrre molti effetti collaterali sia a carico della mucosa gastrica che a carico delle articolazioni stesse. Infatti sembra che la cartilagine venga “indebolita” dall’utilizzo cronico di questi farmaci che bloccano la produzione di prostaglandine. Gli specialisti (è un’affermazione di carattere assolutamente generale e personale) non amano molto le cure con integratori da ripetere ciclicamente durante l’anno, forse perchè spesso abbandonate dal paziente prima che si possano riscontrare dei risultati. Non conosco tua madre nè la sua età, però credo che sicuramente abbia anche un pò d’artrosi (patologia infiammatoria che inizia spesso asintomatica dai 40-45 anni in poi) per cui penso che una terapia a base di condroprotettori a dosaggio terapeutico (è molto importante il dosaggio) sia comunque indicata. Ci sarebbero molte altre cose da aggiungere ma non voglio dilungarmi troppo. Ciao e in bocca al lupo.

  2. mi spiace per tua mamma,il mio consiglio è di non affidarti al sentito dire o delle esperienze degli altri,siamo tutti uguali e nello stesso tempo tutti diversi,perciò,secondo me devi andare da uno specialista specifico del ginocchio,è impossibile che non ci sia una cura,al limite un intervento per questo tipo di patologia auguroni Ida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.