Un esperimento con la lirica per le due voci rock .

La principale attrattiva di questo gioco dell’opera nell’opera, andato in scena in prima mondiale il 20 novembre allo Châtelet, è che protagonisti sono Sting (nel panni di Dionysos wanderer rock) e Elvis Costello che impersona un trucido commissario, vestito da sbirro zarista, con perfidi occhialini neri, odiatore della lirica e dell’amore.

Fra i due s’inserisce l’amico di Dioniso (Joe Summer, il figlio di Sting), che rimprovera di continuo il compagno di lavoro, traditore delle sue origini per ragioni estetiche.

L’intreccio non è meno strampalato di tante opere, qui è al servizio di uno strano incontro fra i due cantanti rock, che non rinunciano alla loro identità vocale, e quattro soprani che rispettano gli stilemi del musical. Tutti amplificati.

L’accostamento funziona a meraviglia e riesce gradevolissimo, anche scenicamente.

L’elegante regia, firmata dalla stessa librettista, Muriel Teodori, fa un uso misurato di proiezioni e teli agitati dal vento, e di bellissimi costumi per le quattro vamp della lirica. Se mai c’è un motivo di delusione è che ci si aspettava più durezza sonora da parte di Sting e Costello, troppo ammansiti da una partitura che mira più alla piacevolezza melodica che alle asprezze rock.

Anche gli a solo del saxofono e della tromba non si discostano mai da caute sonorità jazz. Mentre non trapelano citazioni né deformazioni delle opere di provenienza delle tre sacerdotesse, se non un fuggevole "ramparts de Seville". Ma solo le parole.

Il tutto comunque si snoda con naturalezza, senza mai la sensazione di un collage forzato fra i pezzi chiusi. La presente nota è stata redatta dopo la prova generale del 16 novembre.

Stefano Jacini

per il Giornale della musica

Categories:

3 Responses

  1. mah … sarà!!! sono pochi i cantanti di musica cosiddetta “leggera” che possono trasformare la propria vocalità in quella lirica per trentamila motivi che noi ben sappiamo!!! Una delle voci che secondo me c’è andata molto ma molto vicina è Freddie Mercury. Per me. Tutto ok??? E’ partito il torneo!!! vieni a votarmi!!! mandiii I

  2. Sting mi piace e chissà, senz’altro sarà coinvolgente e di grande effetto.
    &ltbr/>un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779822

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details