Ormai è via libera ai calendari 2009.

Si stanno diffondendo come una chiazza d’olio su di un pavimento. Entrano da tutte le parti: porte, finestre, macchina, ufficio, palestra, chiesa, negozi e chi più ne ha più ne metta.

Casalinghe disperate, palestrati in cerca di fama, aspiranti top model e aspiranti attrici, estetiste, parrucchiere, musicisti, impiegati e ciabattini, tutti, dico tutti, vogliono fare un calendario.

La scusa è quasi sempre quella: la beneficenza.

Mah!

Io storco un po’ il naso davanti all’attricetta sconosciuta che, con faccina ingenua e addolorata si fa ritrarre seminuda per beneficenza.

Comunque il calendario per beneficenza può essere bellissimo anche  senza mostrare fondischiena.

Ci sono ad esempio quelli diffusi nel sociale, mirati a far conoscere le loro attività e i problemi in cui vanno giornalmente incontro.

Fra questi voglio segnalare il calendario dell’ABC (Associazione, Bambini Cerebrolesi) che ogni anno metto sempre in bellavista nella cameretta di mia figlia.

E’ importante che i ragazzi abbiano sempre presente  che il mondo non è fatto solo di bellezze al bagno, di feste, fasti e pab, ma anche di persone che soffrono e lottano per sopravvivere, aiutati giornalmente da tanti volontari che dedicano il loro tempo libero non al divertimento sfrenato ma ad aiutare i più deboli.

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779821

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details