Questa spina non si può staccare

Ho due carissimi amici che hanno avuto una bambina, cerebrolesa dalla nascita.

Non parla, non reagisce, mangia solo pappe speciali con uno speciale biberon  ed ogni boccone è un rischio di soffocamento .

Non ha reazioni di nessun genere.

Però è viva, e non è in coma, e non ha nessuna possibilità di normalizzarsi. 

 

Quando è nata, avevano detto che non avrebbe raggiunto l’anno d’età.

Oggi ha 21, ma è sempre nella stessa condizione iniziale.

Distesa su un letto senza alcuna reazione, ma con un amore immenso: quello dei suoi genitori che l’accudiscono in tutto e per tutto.

La loro vita è cambiata in funzione di questa ragazza.

La casa in cui vivono è stata trasformata in base alle sue esigenze.

Eppure sono 21 anni che è così!!

E i genitori, nonostante tutto, hanno sempre la stessa forza ,  festeggiando alla grande i suoi compleanni circondati da tutti quegli amici e volontari che giornalmente gli aiutano ad andare avanti con una amore immenso.

6 commenti

  1. Ciao, ho letto il tuo post e mi sono chiesta una cosa.

    E quando i genitori non ci saranno più, cosa succederà, chi si prenderà cura della bimba che ora è una donna?

    E poi, se la famiglia non avesse avuto la possibilità di mantenere questa figlia cosa sarebbe successo?

    E ancora, farebbero un’altro figlio in queste condizioni?

    Li ammiro molto per la loro scelta d’amore , ma l’amore non è solo quello, è anche in altre scelte di pari importanza ma di risultato differente come quella fatat e portata avanti per 17 anni dal papà di Eluana.

    Non credo che quella della bimba donna di 21 anni sia vita, la vita è diversa e tu lo sai bene perchè la vivi come me del resto.

    Credo che nessuno voglia passare la propria esitenza attaccata a delle macchine o a dei medicinali e costringere le persona che ti amano a vivere una NON vita.

    Sono sicura che se si potesse chiedere alla bimba donna la sua opinione mi darebbe ragione.

    Non ti chiedo di essere del mio stesso parere ma di riflettere su questo , di metterti nei panni del malato e della sua volontà

    ciao

  2. Ok i genitori le vogliono bene, ma lei cosa sentirà secondo te?

    Riesci a immaginare la tua vita come la sua?

    Hai mai avuto un incubo in cui vedi e senti tutto, ma non riesco a muoverti, a parlare, a reagire?

    Pensa a vivere 21 anni così!

    Io preferieri 100 volte morire.

    Beata l’ora in cui potremo fare testamento biologico!

  3. E’m difficile dare una risposta. Io sicuramente avrei fatto lo stesso di questi genitori! non potrei pensare diversamente. Ma non so esprimere un giudizio per la vicenda di eluana ! non me la sento.

    ammiro davvero tutti quei genitori che lottano e vivono per questi figli così fragili e indifesi e che sanno affrontare con coraggio e tantissimo amore situazioni del genere.

  4. per otto: io ti posso solo dire che io vorrei morire e che sono pronto a metterlo per iscritto.Per il resto non lo so, abbiamo forse il diritto di tenerla in vita per forza? Non è una condanna peggiore della morte? Quello che non sopporto è che un altro (chiesa, papa, berlusconi o chi per lui) si arroghi il diritto di decidere per me in base a principi opinabili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.