Avanti c'è posto!

Ho trovato questa foto curiosa che mi ha ricordato gli anni della scuola in cui, per raggiungere l’istituto si doveva fare i conti col bus pieno. C’era chi aveva la forza di alzarsi dieci minuti prima e riusciva a prendere il bus semivuoto.

Ma la maggior parte delle volte invece ci si ritrovava proprio come nella situazione della foto.

Già era pesante riuscire ad aprire gli occhi e prepararsi, ma ancor di più lo era prendere il bus.

L’autista gridava sempre: avanti c’è posto!! Ma dove? si replicava. Ricordo che qualcuno viaggiava con lo zainetto chiuso fra le sportine.

Mi domandavo sempre perchè, se a quell’ora c’era tanta richiesta, non mettessere il doppio dei mezzi.

Per non parlare della sporcizia, degli odori mattutini e dei maleducati che prendevano l’autobus a quell’ora per importunare le ragazze.

Oggi raramente utilizzo il mezzo pubblico ma domando a chi ne fa uso frequente per ragioni di lavoro: – la situazione, oggi , è migliorata?

leggi gli ultimi post

2 commenti

  1. Consolati: io per andare a scuola usavo un bus di una compagnia privata, ma la situazione era la stessa! Su un bus da 50 posti (che chiamavo “l’incubo giallo”), eravamo almeno il doppio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.