Un segno di rinascita

L’Aquila ferita comincia a reagire con orgoglio e forza.

 Questa mattina ho sentito alla radio che Antonio Nardecchia, 32 anni  ha riaperto il suo chiosco.

Vende pollo arrosto a 5 euro e fa anche lo scontrino.

 Malgrado l’emergenza il giovane deve aprire la serranda perche’ ha una famiglia numerosa cui provvedere.

Ma non ne approfitta. Panini e bibite sono in vendita, nel deserto della citta’ degli spettri, a pochi euro.

E lui ha un sorriso per tutti.
Anche qualche altro supermarket sta tentando di seguire il suo esempio.

Gli aiuti concreti esterni devono incoraggiare chi ha voglia e forza di riprendere, aiutandoli anche in questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.