Che delusione, pareva così bello!

Non sempre ciò che ci immaginiamo corrisponde alla realtà.

Spesso, anzi , proviamo delle grosse delusioni.

Succede anche oggi  in questo mondo virtuale , che le persone si presentino in maniera diversa dalla realtà.

Capita infatti che negli incontri reali, poi si possano avere delle vere  sorprese.

A me è capitato tantissimi anni fa, quando imperversavano le radio libere.

Ce n’era una particolarmente seguita e i suoi conduttori erano per noi ragazzi , dei veri miti.

Le voci erano sensuali e i nomi da divi del grande schermo.

Una bella dizione ed una sciolta parlantina facevano il resto.

A quell’ora della notte mi incollavo alla radio per seguire la mia trasmissione preferita di musica lirica.

La gioia fu quando, un giorno, ricevetti la telefonata del conduttore che , avendomi conosciuto ad un concerto, mi invitava come ospite.

Strafelice di questo evento, decido di parteciparvi. 

Finalmente vedevo dal vivo quella radio che tanto amavo e seguivo.

Al mio arrivo, emozionata scoprii che la radio si trovava nei sottani di una grande villa i cui padroni erano proprio i conduttori radiofonici.

Nulla di strano dal momento che quasi tutte le radio libere allora nascevano proprio in quel modo.

Fui accolta come una grande diva.

Grande però fu la delusione quando vidi i personaggi di cui sopra nel loro abbigliamento usuale durante la trasmissione.

 Erano marito e moglie .

La trasmissione si svolgeva intorno ad un tavolo in un ambientino saturo di fumo dove lui, il conduttore era tutto un programma.

Un ciccione di 100 e passa chili, in canottiera multicolore ( di macchie non ben identificate), maleodorante, e udite udite, con in mano una paletta schiacciamosche che agiva durante l’andata in onda.

Io fui accolta come una diva e ci stavo pure credendo, ma non riuscivo a spiccicare parola quando questi mi faceva le domande perchè tra fumo, odoracci vari e mosche schiacciate in giro, mi si legava la lingua.

Pretendeva che fra uno stacco e l’altro mi servissi ad un vassoio di dolci a detta sua, di una bontà infinita.

 Riuscii poi a superare l’imbarazzo e ad entrare nello spirito della trasmissione che durò per diverse settimane perchè ebbe un bel picco di ascolti.

Lui mandava in onda alcuni brani che io poi commentavo racontandone la storia.

Devo dire che fu una bella esperienza, ma da allora non mi sono più fidata delle apparenze uditive.

Un commento

  1. Senza dubbio un’esperienza deludente.

    Io invece tempo fa, ho incontrato due amiche di blog con le quali mi sentivo a telefono ed è stato bellissimo ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *