Il capo che stressa il dipendente con un "continuo e pressante stillicidio finalizzato a sminuirne le capacità professionali" deve risarcire il dipendente che a causa delle vessazioni subisce uno "stress emotivo".

Lo dice la Cassazione nella sentenza 23923 della quarta sezione penale. Pur dichiarando l’intervenuta prescrizione del reato, la Suprema corte ha confermato che Luigi D. M., funzionario dirigente della pretura di Imperia, dovrà risarcire un’operatrice amministrativa che lavorava presso il suo ufficio, Rita C., per lo "stato ansioso depressivo con tachicardia in stress emotivo" causato dalle continue vessazioni in ufficio.

 

www.rassegna.it

 

 

Leggi tutti i post

 

Categories:

One response

  1. Poiché lo stress emotivo e l’esaurimento nervoso sono diagnosticabili senza certezza, la legge può essere giusta o ingiusta a seconda di chi ci troviamo di fronte. Di certo non vorrei fare il dirigente statale che deve far funzionare un ufficio pubblico, vorrei solo fare il dirigente che intasca soldi senza dover produrre niente, così… niente stress, e tutti contenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779394

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details