Stasera gioca l'Italia!

Oggi c’è la partita dell’Italia!

E quando si sapeva, molto tempo prima naturalmente, era già festa.

Le partite dell’Italia piacevano a tutti anche alle zie anziane e signorine e alla domestica.

Piacevano e univano aldilà della differenza d’età o del ceto sociale.

Tutti , davanti allo schermo si sentivano veramente "fratelli d’Italia".

Si organizzava la serata come una grande festa: c’era chi portava le pizzette, chi la birra, chi le patatine e chi, in possesso di una bella casa e di un bel televisore, metteva a disposizione il salone.

Ricordo che in casa c’era sempre una bandiera italiana da mettere fuori dal balcone appena finita la partita, naturalmente se era vincente.

Anche a lavoro, l’orario spesso subiva una variazione per permettere a tutti di assistere all’evento più o meno importante. Infatti la partita dell’Italia che fosse amichevole o per il campionato del mondo, era sempre importante.

All’ora della partita le strade si svuotavano e non si sentiva passare neppure un’ambulanza! 

Chissà, forse l’evento faceva star meglio anche gli ammalati !

La partita dell’Italia vinceva con l’audience contro qualunque altra programmazione.

Oggi purtroppo non è più così, anzi. C’è una tale overdose di partite che non si sa neppure quando gioca l’Italia e perchè.

E’ proprio vero il detto che "il troppo storpia!"

leggi tutti i post

3 commenti

  1. quando mio zio comprò il primo televisore a colori del parentado, ci riunivamo tutti da lui per le partite.. con l’erba verde e le maglie colorate

  2. All’overdose di partite aggiungiamo l’overdose di programmi televisivi che ci sono oggi rispetto ad ieri.

    P.S. Mercoledi ho preferito “la nuova squadra” alla partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.