Quest’anno penso che farò pochi regali .

Non posso più accettare che certe persone, dopo aver ricevuto un regalo ne guardano il valore il costo la qualità e lo confronti con quelli fatti a loro volta.

Da poco mi è capitato  di scoprire, a distanza di anni, che qualcuno abbia criticato, analizzato e disprezzato un dono che avevo fatto e cercato con amore speciale per quella singola persona e  trovo ciò di uno squallore indescrivibile.

Ho sempre fatto i regali col cuore senza guardare il prezzo.

Quando trovo il regalo adatto alla persona non ho mai badato a quanto potesse costare, ma a quanto potesse fargli piacere

C’è invece chi, per carattere ha sempre da ridire e il dono diventa solo un mezzo di confronto:-" il regalo che gli ho fatto io valeva di più, era più bello, è stata tirchia, rispetto a quello fatto da me ecc."

Le persone così’ hanno  un cuore di pietra e non potranno mai capire il vero senso di un dono  perchè non sono in pace con se stessi e tanto meno con gli altri.

Categories:

One response

  1. ormai sono tanti anni che io non faccio niente a nessuno e non voglio niente da nessuno,primo perchè io non posso spendere grandi somme e al giorno d’oggi non c’è più niente che costi poco,secondo hanno tutto tutti perciò cosa regali? Ognuno si tiene il suo e si compera ciò che vuole.A Natale a mia nipote do la mancia e così si compera ciò che vuole di suo gusto,anche perchè ognuno ha i suoi gusti,a me poi non piace assolutamente girare per negozi in cerca di cosa poi……un saluto Ida

    otto

    concordo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779394

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details