La maggior parte dei musicisti e cantanti muove i primi passi nei cori della propria città ed in particolare della propria parrocchia e generalmente in occasione della preparazione alla prima Comunione. Poi, chi ha il talento, prosegue perchè la strada si presenta in discesa. Si incontrano gli amici con interessi comuni e spesso si comincia a cantare o suonare insieme.
Ed’ proprio insieme che si hanno le prime soddisfazioni.

Quando si forma un piccolo gruppo strumentale e vocale  il piacere di fare musica si moltiplica. Il risultato delle armonie prodotte è bellissimo. Si proseguono poi gli studi specifici al conservatorio e chi veramente è fuori dalla norma, riesce a sfondare anche a livello internazionale.
Mi è capitato però di sentire ragazzi che si vergognano nel ricordare che è proprio con la musica sacra che sono emersi i loro talenti. Spesso è un particolare che nei curriculum viene omesso. Ma questo succede a noi italiani perchè quando leggiamo che i grandi artisti americani, soprattutto quelli di colore, hanno cominciato a cantare con i canti bibblici durante le funzioni religiose, rimaniamo a bocca aperta.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779168

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details