Arena Giusy Devinu: 3 anni fa l’inaugurazione a Cagliari

 

Alla presenza delle autorità cagliaritane, il 21 giugno 2015 cadeva il drappo che ricopriva la targa denominata   Arena – Giusy Devinu , nel Parco della musica di Cagliari. In occasione della Festa della Musica il Comune ha voluto dedicare a lei anche tutte le manifestazioni cittadine.
Dal 2007, anno di inizio dei lavori del Parco, il mio pensiero di poterlo intitolare a lei , compagna di studi musicali  è stato ricorrente. Ed ecco che quel giorno è arrivato grazie anche al contributo della Commissione per le Pari opportunità del Comune di Cagliari e agli amici del comitato.
Il pubblico accorso numeroso ha potuto visitare, dopo l’inaugurazione, anche  la mostra fotografica nel vicino foyer del Teatro lirico che si apriva con un breve concerto  del coro Pacinotti diretto da Franca Devinu,  ed un brano per violino eseguito da una solista d’eccezione: la violinista Giulia Greco. Per lei, sua zia Giusy, durante un giorno di pausa fra una recita e l’altra di  Lucia di Lammermoor alla Scala, prese l’aereo per tornare a Cagliari e stare vicino alla sorella Franca mentre partoriva.
Nel foyer erano tante le foto esposte che ritraevano l’artista nei momenti più importanti della sue carriera venticinquennale: dall’inaugurazione del teatro Comunale cittadino  al  debutto nel Teatro alla Scala.
Noi del Comitato Giusy Devinu avevamo un sogno, quello di poter avere almeno uno degli abiti che Giusy ha indossato  in alcune opere nelle stagioni del Teatro alla Scala. Questo sogno si avverò grazie alla professionalità della collega  degli allestimenti scenici, Carola Ciani.
Dopo l’idea inizialmente quasi assurda, ha intrapreso un dialogo convincente con i vari responsabili del teatro milanese, superando   pian piano tutte le  difficoltà burocratiche che si presentavano (ed erano tante), fino al raggiungimento dello scopo.
La nostra paura iniziale erano i costi: come affrontare le spese di affitto di questi abiti? Le sue mail sempre cordiali hanno sciolto ogni dubbio. Il teatro milanese mise a disposizione gli abiti gratuitamente . Poi, quando tutto pareva risolto con l’annuncio  che gli abiti erano partiti, arrivò la notizia di un imprevisto che  li aveva bloccati . L’entusiasmo iniziale si spense e personalmente persi anche le speranze. Lei, Carola, invece neppure per un attimo. Positiva fino alla fine, riuscì ancora una volta  a sbloccare la situazione e, con grande gioia , i due preziosi pacchi varcarono la soglia del nostro teatro.
Il nostro pubblico  accorse numeroso, lo stesso che ebbe il piacere di applaudire Giusy in tante occasioni e ahimè piangere per lei  durante l’opera Uccelli in corso di rappresentazione nel 2007, quando, tra un atto e l’altro, la direttrice di scena annunciava la fine della sua esistenza terrena.
La città però, potrà ora  ricordarla nel tempo anche sostando per poco  nell’Arena Giusi Devinu.

La speranza ovviamente è che questa Arena possa ritornare a vivere come 5 anni orsono in cui sono state rappresentate opere e concerti


YouTube Direkt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *