Stampiamo le nostre foto!

Poco tempo fa un professore invitava le persone a stampare le foto ricordo perchè con la rete e con la stampa digitale si rischia di perdere tutto in quanto, a detta sua, non è sicuro.

In effetti una volta mi è capitato che l’ unità esterna con un ampio archivio,  sia andata nel pallone bruciando così migliaia di foto e documenti senza averli potuti recuperare in alcun modo. Per fortuna,  molte di queste foto le avevo raccolte in fotoalbum. Con questi si ha la fortuna di averle in stampa cartacea ma già tutte raccolte in piccoli volumi.

Qualche giorno fa ho ricevuto da un collega di vecchia data, alcune foto del mio lavoro, che non possedevo. Ovviamente lui me le ha inviate tramite WhatsApp. Ricordi bellissimi del tempo che fu.

Rivedersi giovani con costumi stupendi, mi ha fatto riflettere sulla fortuna che ho avuto nel poter fare del mio lavoro il mio passatempo preferito. Ogni foto è una piccola storia che si apre al ricordo di questa o quell’opera o concerto, di una trasferta con famosi cantanti, direttori d’orchestra, ballerini  ecc. cui sono legati anche tanti aneddoti . 

Io, che sono sempre stata appassionata poi di tecnica vocale, ho sempre chiacchierato con gli artisti per confrontarmi e farmi rivelare  qualche segreto da poter trasmettere ai miei allievi . Alcuni li ho anche intervistati per questo mio blog (vedi colonna di destra) dove li ho invitati a raccontare le loro storie artistiche.

Le due foto allegate si riferiscono rispettivamente a “La vedova allegra” che andò in scena nel 1990 all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari con una memorabile regia di Gino Landi, storico regista televisivo. La seconda invece si riferisce ad una Cavalleria Rusticana . Le foto sono state gentilmente concesse dal basso Guido Giglio presente nella foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.