“‘Na carezza”, canto abruzzese con la Corale Gran Sasso

Versi di Mario Lolli, Musica di Camillo Berardi,

Esecuzione della “Corale Gran Sasso”

Con sensibilità profonda, il poeta aquilano Mario Lolli descrive ‘Na carezza, un atto dolce e silenzioso, di grande valenza affettiva, che al giorno d’oggi diventa sempre più tenue e labile.
La carezza è un gesto eloquente che cancella l’invisibilità dell’indifferenza e va oltre lo sfioramento fisico, accarezzando l’anima, nutrendola.
Il brano raffinato e di cantabilità immediata, è nato con uno stile melodico sentimentale in perfetta simbiosi tra parole e musica, esaltando con delicatezza l’efficacia popolare del dialetto aquilano. Le immagini graziose e gentili del video realizzato da Concetta Persico, commentano gradevolmente questo componimento aquilano eseguito dalla “Corale Gran Sasso” diretta dal M° Carlo Mantini.

 

’NA CAREZZA

Versi di Mario Lolli

Musica di Camillo Berardi

 

Quannu te faccio, pianu, ‘na carezza

provo ‘na sensazzio’ tutta speciale,

pecche’ non è  ‘na cosa materiale:

ci sta ‘ntrecciata tanta tenerezza.

 

Non me  credea la cosa ccusci’ bbella:

come tocca’  ‘nu fiore vellutatu,

‘nu filu d’erba verde appena natu,

me pare quasci de sfiora’  ‘na stella.

 

E se ‘ntramente me reguardi, dôce,

non saccio cchiù che fa’: me trem’ju core;

te guardo e te vurria parla’ d’amore,

ma non lo pozzo fa’: non tenco voce;

 

me sento de muri’ de cuntentezza.

Se po’ tu me regali ‘nu surrisu,

s’apre la porta deju paradisu,

quannu te faccio, pianu, ‘na carezza. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *