di Ghisi Grütter

MAESTRO – Film di Bradley Cooper. Con Bradley Cooper, Carey Mulligan, Matt Bohmer, Vincenzo Amato, Maya Hawke, Booch O’Connel, Jace Wade, Atika Greene, Tim Rogan, Tom Toland, Brian Klugman, USA 2023. Fotografia di Mathew Libatique.

Devo premettere che ho per Leonard Bernstein una grande venerazione e che aspettavo con ansia, ma anche con timore, l’uscita di “Maestro”. Il film, che si può vedere sulla piattaforma Netflix, è stato prodotto da Bradley Cooper con Martin Scorsese, Steven Spielberg, Kristie Macosko Krieger, Fred Berner e Amy Durning, e ha come protagonisti Carey Mulligan nei panni di Felicia Montealegre e lo stesso Bradley Cooper nei panni di Bernstein.
Chiariamo subito che “Maestro” non è un classico film biografico, ma è la storia d’amore tra una donna e un uomo geniale e stravagante. Lui è giustificato nel comportamento dal suo immenso talento: è un magnifico direttore d’orchestra, un brillante pianista, un geniale compositore. Insomma è un artista. Lei è un’attrice di teatro ma è anche madre (di Jamie, Alexander e Nina), moglie e “compagna” e insieme hanno vissuto una profonda e intensa relazione. Però, essendo lui bisessuale, lei ha dovuto accettare (perdonare?) i suoi capricci e i tradimenti. Ma quando lei si ammalerà lui non la lascerà sola un attimo prendendosi cura di lei come mai si sarebbe potuto pensare.
Per tutto il tempo del film ho provato sensazioni contraddittorie e se non avessi saputo che si trattava di Lenny (diminutivo con il quale gli amici chiamavano Leonard Berstein), probabilmente il film mi sarebbe piaciuto molto. Ha una prima parte (fotografata da Mathew Libatique) in bianco e nero ben girata e con un bel ritmo, mentre la seconda parte è a colori dove Bernstein, un po’ invecchiato e appesantito, è più riconoscibile.
Bradley Cooper in questo film si conferma un bravo regista oltre che un ottimo attore. Dalle varie interviste fatte ai figli di Bernstein – così come era successo per il primo suo film da regista “A Star is Born” – viene fuori la figura di un regista come uno dalla personalità molto determinata, perfezionista e grande lavoratore.
Nonostante Cooper abbia fatto un lavoro eccezionale nell’imitare/riprodurre il maestro, io sono poco persuasa del nasone posticcio e la descrizione così ridanciana di Lenny giovane mi convince poco: penso che il suo humour fosse più ironico ed ebraico. Insomma Leonard Bernstein aveva uno fascino e un carisma incredibile che Cooper non riesce a riproporre.
Una cosa che non capisco bene è questa ossessione degli attori di rifarsi quasi uguali ai personaggi che interpretano che imperversa negli ultimi anni (da Gary Oldman = Churchill in poi) subendo 5 ore al giorno di trucco, quando, a mio avviso, sarebbe stato meglio non truccarsi affatto. Del resto Carey Mulligan (bravissima comunque) è se stessa e non è affatto “mascherata” da Felicia.
Quello che manca nel filmcontinua a leggere qui

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779165

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details