Nel bicentenario dalla composizione della Nona Sinfonia di Beethoven (eseguita per la prima volta nel 1824 al Theater am Kärntnertor di Vienna), dunque, germoglia il progetto promosso dal Conservatorio di Cagliari con l’orchestra internazionale Orchestre des Champs Élysées (che affronta il repertorio classico e romantico su strumenti originali) e l’Opera Nazionale d’Armenia, che si realizzerà in tre differenti momenti: una prima fase nel capoluogo isolano, una tournée europea tra dicembre e marzo 2025 e una seconda accademia nella prima settimana di luglio del prossimo anno presso l’Opera Nazionale d’Armenia.
Rappresentata per la prima volta a Milano, al Teatro alla Scala, il 17 febbraio 1904, l’opera è ambientata a Nagasaki ed è incentrata sul personaggio di Butterfly, giovanissima geisha sedotta dal tenente americano Pinkerton, da lui abbandonata e infine suicida. Madama Butterfly può essere definita un monodramma in cui la musica analizza la storia interiore dell’unica protagonista,
quella “canzoncina” continuava a ronzarmi in testa e maturava sempre di più. Registi e insegnanti che mi vedevano in scena mi dicevano: “Gabriele, tu hai la vocalità e il “physique du rôle” per fare Figaro, dovresti proporti per questo ruolo”. Io ringraziavo e sapevo che un ruolo così lungo ed estremamente difficile richiedeva una maturazione importante, ma sapevo anche che prima o poi l'occasione si sarebbe presentata. Ebbene sì, alla fine è arrivato il giorno in cui, oltre a quella “canzoncina”, chiamata Cavatina di Figaro, ho debuttato l’intero ruolo del Barbiere di Siviglia in uno dei teatri più grandi e importanti d' Italia.
Alle 19 l'atteso incontro con una delle autrici sarde più amate e lette in Italia e all'estero: Milena Agus, in libreria per Mondadori con "Notte di vento che passa". In conversazione con Chiara Miscali, finalista l'anno scorso del Campiello Giovani, un incontro squisitamente letterario per raccontare un romanzo di formazione pieno di tenerezza, fitto di ostacoli da superare nella corsa per diventare adulti.
Confronti, dibattiti, incontri, ma per i partecipanti anche tante occasioni per condividere momenti di piacevolezza e relazione: l'agenda del festival prevede infatti anche concerti e spettacoli – tra i protagonisti la cantante Noemi, lo scrittore e raccontastorie Stefano Massini, il cantautore Piero Marras - e poi visite guidate alla scoperta delle risorse naturali e culturali del territorio, e altri appuntamenti. Spazio anche per l'arte figurativa con lo street artist Manu Invisible, impegnato nella realizzazione di due opere sui temi del festival incentrate sui giovani: giovedì 27 negli spazi del Consorzio 1 Università di Oristano, e nei due giorni successivi (il 28 e 29) al Centro Giovani in zona Sa Rodia.
Volete partecipare a una Festa della Musica alternativa? Questa sera dalle 18:30 alle 20:30 all’Aeroporto di […]
Al Nuraghe Palmavera (a tredici chilometri di distanza da Alghero), tra i siti più importanti e significativi della civiltà megalitica sarda, andrà in scena alle 21.30 "Il Miracolo del Narratore" (biglietto a 10 euro più prevendita), un reading-concerto liberamente tratto da "Le città invisibili" di Italo Calvino;  protagonisti tre nomi di primo piano nel panorama jazzistico isolano: il chitarrista Marcello Peghin, il contrabbassista Salvatore Maltana e il batterista Massimo Russino,
Il theremin fu inventato nel 1920 dal fisico russo Lev Sergeevič Termen, da cui prende il nome. E’ […]
La serata si è aperta con l’esibizione della Banda Musicale “Luigi Canepa” di Sassari, diretta da Michele Garofalo, che ha proposto musiche di Karl King, Rossano Galante e Todd Stalter.  Il pubblico ha seguito in religioso silenzio i 40 elementi che ai piedi del palco montato in piazza Bonfigli, finalmente al centro della città, hanno dimostrato come la musica per orchestra di fiati reclami a pieno titolo una dignità non sempre riconosciuta. Un tuffo negli anni ’70 e nell’atmosfera dei poliziotteschi
L'idea di festeggiare il Natale d'estate è venuta a Tiziano Masi, 50 anni, veneziano trapiantato a Porto Columbu nel 2009 , quando era ancora un bambino. Lui era figlio di genitori separati e non poteva godersi appieno quei giorni della festa tradizionale perché la sua famiglia non era unita.
Il nostro percorso prevede la visione e il commento dei principali strumenti di ricerca in archivio, l'illustrazione di siti tematici inerenti alla genealogia, una visita virtuale agli altri archivi che conservano materiale utile per la ricerca e infine, attraverso i nostri documenti originali, come i censimenti e i registri di leva, ci "immergeremo" nella ricerca delle fonti storiche
“Grazia Deledda e il cibo” (Arkadia editore), racconterà la gastronomia sarda negli anni della scrittrice Premio Nobel, confrontandola con quella attuale. Saranno preparate e offerte al pubblico alcune delle pietanze citate nei romanzi della Deledda e, partendo da quelle ricette molto antiche, sarà possibile scoprire aneddoti e particolarità talvolta inediti dell’alimentazione sarda.
Un festival che mira a promuovere l'incontro e il confronto delle esperienze di "chi fa" con quelle di "chi studia", per produrre idee che contribuiscano a risolvere problemi e indicare soluzioni, a partire da ciò che in alcuni luoghi si sta già realizzando. Un festival "cooperativo" perché vuole valorizzare la funzione economica e sociale
Si tratta di un concerto con due importanti formazioni: il Collegium Karalitanum diretto dal maestro Giorgio Sanna e il coro A.P.S. In Cordis Jubilo diretto da Serenella Carta.
 Sabato 22 giugno a partire dalle 20 l'appuntamento è presso la Chiesa del Santo Sepolcro con il Coro Over 65 della Scuola Civica di Musica di Cagliari e il Coro Inkantos d'Olia di Dolianova, entrambi diretti da Boris Smocovich e i Cori delle Scuole Civiche di Musica di Cagliari e Capoterra, diretti da Giampaolo Zucca.
Dal 6 Luglio al 26 Agosto, negli scenari più suggestivi dei comuni del Sud Sardegna: Calasetta, Gonnesa, Fluminimaggiore, Iglesias, Masainas, Narcao, Piscinas, Portoscuso, Teulada, Villamassargia si alterneranno più di trenta ospiti, per degli appuntamenti letterari “a tu per tu con gli autori”. Tra gli ospiti  Beniamino Zuncheddu, il divulgatore scientifico e blogger italiano, Massimo Polidoro , la giornalista Claudia Sarritzu, Patrik Zaki, Walter Veltroni e tanti altri
E’ un’ immensa soddisfazione vedere nel cartellone di una Stagione lirica importante come quella del Teatro […]
Concerto di pianoforte per “I mercoledì del Conservatorio” il 19 giugno a Sassari Torna in sala […]
Il giardino dei ciliegi è l’ultimo lavoro teatrale di Anton Čechov.  Fu rappresentato per la prima volta […]
Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14777755

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details