foto Priamo Tolu

Dopo una recita di Turandot, al rientro a casa, difficilmente si riesce a prendere subito sonno perchè l’adrenalina  è ancora in circolo. Il modo migliore per farla scemare è quella di collegarsi subito ai social network  per leggere i commenti di chi ha assistito allo spettacolo appena concluso.

Fra i tanti messaggi di complimenti e ringraziamenti , ieri ho letto anche quello di un’amica che non era mai stata all’Opera. Lei mi domandava come mai il pubblico, negli applausi finali, non si fosse levato in piedi.

 Le ho spiegato che quel tipo di applauso si chiama “ovazione“.  Questa è una manifestazione collettiva di entusiastica e clamorosa approvazione, accompagnata anche da grida di gioia. E’ considerata  il massimo riconoscimento che il pubblico può dare ad un artista. L’ovazione infatti avviene di rado. Chi la riceve è un artista dalla bravura fuori dalla norma,  e che fa cose eccezionali.   Ad esempio il tenore che tiene un acuto più del dovuto o si esibisce in un virtuosismo vocale senza precedenti.

Gli applausi, anche quelli comuni, sono una gratificazione importantissima per l’artista.  Dalla consistenza dell’applauso ci si rende conto se lo spettacolo è stato gradito oppure no.

Chi va a teatro a vedere un concerto poi, deve conoscere alcune regole importantissime.

Non si dovrebbe mai applaudire dopo la fine di un brano se questo è parte di una composizione di cui verranno eseguiti anche altri brani. E’ buona norma conoscere bene cosa si va ad ascoltare proprio per capire ciò.  Se invece, in un concerto vengono eseguiti brani singoli tratti da varie opere l’applauso può essere fatto anche alla fine di ogni brano.

Non si sbaglia se , prima dell’inizio dello spettacolo ci si munisce del programma di sala. In questo modo non si incorre nell’errore di dover applaudire al momento sbagliato.

Diversamente, nell’ Opera lirica l’applauso a scena aperta è sempre gradito soprattutto alla fine di una romanza famosa, come nel caso di Nessun Dorma dell’opera Turandot .

Questa sera, al Teatro Lirico di Cagliari sarà replicato il concerto de I Carmina Burana di Carl Orff, già rappresentato con grande successo a Barumini nei giorni scorsi.

Ecco il video della parte finale di quella serata.

P.s. Ricordate che questa sera, gli applausi,  si faranno solo dopo la fine di tutti i brani. Occhio al programma!


YouTube Direkt
 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14775377

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details