Anche io, come la maggior parte degli italiani, ho dedicato una serata alla ricerca del capo in saldo.

Amo cercare nei grandi magazzini, perchè non mi sento a mio agio davanti a commesse che vogliono rifilarti qualche cosa a qualunque costo.

Purtroppo però il grande magazzino in questione, era già privo di taglie e di scelta  ed io ho dovuto cercare altrove.

Sono entrata in uno di quei negozi così detti In (solo per i capi firmati e non certo per la gentilezza delle commesse che in questi luoghi si sentono dee scese in terra).

Ho chiesto di poter misurare un cappotto di cammello.

La faccia della commessa nel dirmi che ciò che chiedevo era fuori moda, era davvero un programma.

Ho preso velocemente l’uscita per evitare di risponderle a tono ma sono stata bloccata e sottoposta alla misurazione forzata per una buona mezzora (e mi son presa pure una multa al parcheggio) di almeno 10 cappotti, uno peggio dell’altro e dai prezzi impossibili.

Il tutto poi condito con frasi del tipo:

-"Non lo troverà da nessuna parte un simile capo, è proprio fuori moda!"

-"Premetto che a me della moda non me ne importa proprio nulla, comunque, se ciò che cerco non c’è, vado altrove."

Mi sento ancora richiamare e propormi un avanzo di magazzino.

Un vero affarone!!!

Un cappotto Armani lungo fino ai piedi dal costo proibitivo di 800 euro (alla faccia del fuorimoda) che non aveva alcuna differenza con la mia vestaglia da camera.

Sono quasi scappata.

A detta di queste commesse non avevo speranze perchè loro mi avevano proposto  tutto quello che avrei trovato in giro e che il problema era mio che non avevo intenzione di acquistare .

Mah! Ormai la gentilezza è un optional.

Potevo rispondere a tono ma mi son trattenuta.

Ho soltato attraversato la strada e, nel negozio dirimpetto, meno  In del primo, ho trovato una padrona gentilissima (eh, l’esperienza!) e il capo che cercavo.

 

 

Categories:

Tags:

4 Responses

  1. Ah!!Ah! ho immaginato la scena che spesso tutti ci troviamo ad affrontare . Ma io non riesco mai a stare zitta e alla fine rispondo a dovere senza comprare nulla!

  2. hai fatto proprio bene queste commesse rompono proprio a nn risponderle cmq mi ha fatto piacere che hai trovato quel che volevi auguri di buon anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14776940

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details