Padre Puggioni è morto

E’ morto Padre Giovanni Puggioni  il sacerdote gesuita che ha fondato a Cagliari, Operazione Africa.

L’associazione nasce nel 1962  ma si è costituita ufficialmente nel 1973, ed è divenuta Onlus nel 2002.
I suoi collaboratori sono stati soprattutto giovani universitari provenienti da tutta la Sardegna.
In tutti questi anni Padre Giovanni, con Operazione Africa ha realizzato una grande quantità di opere rivolte ad alleviare la fame e le malattie che colpiscono tanti nostri fratelli più piccoli.
Tutte le iniziative sono sempre state  rivolte in particolare alle missioni sarde che si trovano in Africa, per lo più nella Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire), ma anche nel Rwanda, nel Madagascar e nel Brasile.

Nel 1970, insieme a 5 studenti del Liceo Dettori, P. Puggioni si recò nel Congo dove costruì, grazie ai contributi dei fedeli della Sardegna, una scuola a Copocabaca ed un’altra a Kason Goulunda, ai confini con l’Angola.

Questa scuola serve oggi 15 villaggi della zona.

Rientrando verso la Sardegna, passarono per Mosango, dove ebbero modo di visitare l’ospedale dei bambini, una grande capanna, pochi stracci e tanti bambini colpiti dalla lebbra, alcuni dei quali completamente sfigurati.

Due anni dopo, P. Giovanni ritornò a Mosango e seppe della morte di altri bambini stroncati dalla fame e dalla lebbra.

Al suo rientro in Sardegna lanciò una grande campagna di informazione relativa al problema che queste due grandi piaghe rappresentavano e tuttora rappresentano per l’Africa.

Raccolse così altri fondi e pochi anni dopo vide la luce l’Ospedale Sardegna di Mosango.
Fino ad oggi questo ospedale ha potuto salvare 170.000 bambini.
Ogni anno circa 5.000 bambini giungono all’ospedale portati in braccio dalle loro mamme, dopo aver percorso a volte centinaia di chilometri a piedi. Questi pochi fortunati vengono salvati.
Fu costruito inoltre l’acquedotto e furono inviati un container e due aerei pieni di attrezzature, tra cui 110 letti e circa 30 tonnellate di di attrezzature ospedaliere.
Oggi l’Ospedale Sardegna di Mosango vive grazie all’aiuto finanziario proveniente dalla generosità della popolazione sarda.
Sono stati costruite ancora, anche se in tempi diversi, una scuola professionale e nel 1988 a Tumikia, l’Ospedale Trexenta, dovuto soprattutto ai contributi di decine di giovani che si sono mobilitati in quella zona della Sardegna, più un’altra scuola e due padiglioni ospedalieri, uno a Jakamba e l’altro a Kinshasa.

 

4 commenti

  1. E’ stato un’autentico messaggero del Vangelo; l’ho conosciuto ad alghero e l’ho frequentato anche qui a Cagliari. Un grande uomo, una grande personalità umile e semplice che amava i giovani e che credeva nei giovani, nell’amore cristiano e nella giustizia sociale.

    Unìindimenticabile discepolo di Cristo. mi mancherà molto…..

    lanfranco

  2. Ti sono stata vicino solo gli ultimi giorni,quindi Padre Giovanni spero il nostro sia un arrivederci e non un addio

  3. PADRE GIOVANNI PUGGIONI SAREBBE VERAMENTE UN GRANDE SANTO,
    PENSATE QUANTI BAMBINI SALVA CON L’AIUTO DELLA SARDEGNA.
    *
    MENTRE OGGI ABBIAMO UN GOVERNO TECNICO CHE STA ROVINANDO LA SARDEGNA, LITALIA CON
    LA TASSA DELL’ IMU SUI LOCALI AGRICOLI,…
    MAI NESSUN GOVERNO SUI TERRENI AGRICOLI, SUI LOCALI DI LAVORO TASSAVA,
    MENTRE OGGI IL SUPER MARIO COLPISCE UN SETTORE CHE SI TROVA IN FALLIMENTO,..
    PER COLPA DEL’ IMPORTAZIONE DEL LATTE
    … MENTRE LA PRODUZIONE, LATTE, CEREALI, CARNE,..
    RIMASTA AL SOLITO PREZZO DI QUANDO ESISTEVA LA LIRA…
    *
    AL GOVERNO SERVONO PERSONE COME PADRE GIOVANNI PUGGIONI,
    NON COME IL NUOVO GOVERNO TECNICO ITALIANO…
    *
    VI AUGURO BUON ANNO 2013)
    ————————————————– BENITO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *