E’ la prima cosa che si domanda il pubblico quando guarda questo scialle. Un’opera d’arte, indubbiamente, ma così particolare da lasciare a bocca aperta. A realizzarla è l’artista cagliaritano Antonio Rais.

In questo periodo dell’anno mi piace girare per mostre, soprattutto la domenica quando tutti preferiscono la spiaggia. Oggi ad esempio ho scelto quella dedicata all’arte con materiali alternativi e di riciclo.

La mostra, sita a  Cagliari al THotel, è stata inaugurata il 31 maggio ed ha per titolo  LaModaCheNonTiAspetti.  Questa mostra vuole raccontare in che modo una materia grezza, sapientemente lavorata, sia in grado di produrre emozioni e in che modo una tecnica (spesso antica) possa manipolare materiali diversi come terra, legno, pietra, ferro e lana, per arrivare ad una forma, ad una armonia.  Gli artisti che espondono sono : Andreina Argiolas, Pietrina Atzori, Giorgia Bistrusso, Patrizia Camba, Salvatore Campus, Carla Caria, Cavica & Ferdinando Bifulco, Carola Ciani, Tiziana Contu, Anne Coyon e Susanna Pilia, Daniela Ducato di EDIZERO Architecture for Peace by ECHOME, Valentina Enas, Fabio Frau, Federicapilotasenzapunto, Maria Daniela Ghiani, Valeria Simula di Gusho con Mauro Ballette di Studio Vertice, Loops con Paola Riviezzo, Emanuela Luppi e Simona Prasciolu, Gianluca Melis, Antonio Rais, Silvana Sanna, Cristian Soru, Rosaria Straffalacci, Maria Cristina Boy e Margherita Usai diTramare, Antonello Utzeri, Marco Caboni di Velette Sospette, Claudia V. Mazohl di La Ceramica Mediterranea.

Opera di Carola Ciani (con la collaborazione di Cristian Soru)- L’idea è quella di dare forma, materia e tecnica al mezzobusto in fil di ferro che diventa un corpetto femminile costellato da fiori di bouganvillea secchi, fiore simbolo del Mediterraneo

Opera di Federicapilotasenzapunto – La cravatta vintage uso alternativo

Opera di Antonio Rais – Tessere e frange in ginepro cucite su canapone

EDIZERO – Design Angela Cotza. Giardino da sedia . Disinquina l’aria e sottrae 8 Kg. di CO2 – migliora il comfort acustico

Opera di Antonello Utzeri – Abito con cappello realizzato con salice di fiume non spellato

Opera di Salvatore Campus – personale visione di confezione sartoriale realizzata con fogli trasparenti di P.V.C ripiegati a formare elementi geometrici tridimensionali (origami)

LA MOSTRA SARA’VISIBILE FINO AL 30 Settembre

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14776944

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details