Con Francesco AbateCiro AuriemmaUgo Bressanello, i “Ragazzi della Locanda” e Lory Muratti si chiude domani (domenica 3 dicembre) a Cagliari la prima edizione del festival Circo Letterario.

Dalle 10 alle 12 spazio al laboratorio dedicato “Su Printzipeddu”, aperto a bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni a cura dell’Associazione LARAS – Suoni e parole di Sardegna Acadèmia de su Sardu.

Si consiglia la prenotazione al numero 320 8575564.

Cala il sipario al Teatro degli Intrepidi Monelli di Cagliari sulla prima edizione del festival Circo Letterario, la rassegna che dallo scorso 26 novembre ha portato nello storico quartiere di Sant’Avendrace a Cagliari, sospeso tra la periferia e il cuore della città, artisti, scrittori, poeti e giocolieri della parola con la direzione artistica di Andrea Melis.

 L’ultimo giorno della manifestazione si aprirà domani (domenica 3 dicembre) alle 10 con il laboratorio di invito alla lettura sul testo “Su Printzipeddu”, pubblicato da Alfa Editrice (evento a cura dell’associazione LARAS – Suoni e parole di Sardegna e Acadèmia de su Sardu). Si tratta è della prima traduzione in sardo campidanese de Le Petit Prince (il celeberrimo romanzo di Antoine de Saint-Exupéry). L’attività è rivolta a bambini/ragazzi dai 9 ai 14 anni che saranno accolti presso il Teatro degli Intrepidi Monelli domenica mattina 3 dicembre. Si consiglia la prenotazione al numero 320 8575564.

 Alle 18 gli appuntamenti pomeridiani avranno inizio con la presentazione de “I Racconti della Locanda”, un’antologia composta da narrazioni di Francesco Abate, Ciro Auriemma, Eleonora Carta, Carlo Augusto Melis Costa, Matteo Porru, Renato Troffa, Valeria Pecora Schirru, Valeria Usala e Ilenia Zedda. Il libro è realizzato da Produzione Editoriale XY con la volontà di sostenere le attività portate avanti dalla Cooperativa dei Buoni e Cattivi, un progetto d’impresa sociale della Fondazione Domus de Luna. Gli autori e le autrici che hanno partecipato alla scrittura del libro hanno deciso di devolvere le rispettive spettanze dei diritti d’autore alla fondazione. L’incontro vedrà sul palco Andrea Melis, Ugo Bressanello, Ciro Auriemma e I Ragazzi della Locanda protagonisti dei racconti, per uno dei tanti momenti in cui il festival unirà la letteratura al sociale.

 Alle 19 lo scrittore Ciro Auriemma – affiancato dalla manager culturale Giuditta Sireus (partner del festival con il suo Dicembre Letterario e fondatrice del Club di Jane Austen) – sarà il protagonista dell’incontro dedicato alla presentazione del suo romanzo fresco di stampa La lama e l’inchiostro (Piemme Edizioni, 2023), un racconto caratterizzato da mistero e avventura nella Cagliari barocca. La storia appassionante e mai raccontata di uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi: Miguel De Cervantes.

 Il compito di calare il sipario sulle presentazioni del festival sarà affidato alle 20 allo scrittore e giornalista Francesco Abate (Premio Alziator, Premio Ducato d’oro, Premio Solinas, Premio del Libraio Città di Padova, Prix Littéraire des Jeunes Européens), per un incontro con La Palestra Letteraria che lo vedrà presentare la sua più recente fatica letteraria Il misfatto della tonnara (Einaudi, 2023), terzo capitolo della saga dedicata alla giornalista investigativa Clara Simon (in corsa al Premio Scerbanenco 2023, a poche settimane dall’uscita). Durante una manifestazione di femministe qualcuno aggredisce una maestra. Il suo corpo privo di sensi è rinvenuto nel magazzino dell’antica tonnara. Malgrado i sospetti convergano su un giovanotto dell’alta società, la giustizia temporeggia. Di fronte a tanta impunita violenza Clara Simon, l’affascinante e testarda giornalista de «L’Unione», non può restare a guardare. Muovendosi per le strade della Cagliari di inizio Novecento, tra una vecchia nobiltà che non vuole cedere il passo e una nuova borghesia impaziente di affermarsi, scopre con quanta furia il mondo abbia cercato, da sempre, di mettere a tacere le donne. E ancora una volta trova il coraggio di far sentire la sua voce. 

Alle 21 a chiudere in bellezza la prima edizione del Circo Letterario ci penserà il musicista, producer, scrittore e regista Lory Muratti con il reading letterario “Torno per dirvi tutto”, in collaborazione con il Festival Dicembre Letterario.

Il Circo Letterario è finanziato dalla Regione Sardegna (Assessorato alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport), dal Comune di Segariu e sostenuto dai numerosi partner che hanno creduto nella nascita di questo progetto quali la Palestra Letteraria, Fondazione Domus De Luna, Ente concerti Città di Iglesias, My English School, Mondadori Bookstore | Centro commerciale I Mulini, Giunti al punto librerie, Festival Cabudanne de sos Poetas, Associazione culturale Sa oghe e su entu, Associazione Muse aps, Associazione Feles Nigra, LARAS suoni e parole di Sardegna APS, QIBU sas di Claudia Benaglio, Acadèmia de su sardu, AGIS CAD, Actores Alidos, Unica Radio, Locanda dei buoni e cattivi, Il club di Jane Austen Sardegna, Centro Down Cagliari, ANFASS Cagliari, Cooperativa sociale Killia, Casa Futuro – Codice Segreto Cagliari, Biblioteca Las Plassas, Biblioteca Pauli Arbarei, Biblioteca Genuri, Biblioteca Segariu, Biblioteca Siddi, Scuola Infanzia Segariu, Scuola Secondaria di Primo Grado Segariu, Scuola Secondaria di Primo Grado Ussaramanna, Scuola Primaria Furtei e Scuola Primaria Siddi.

 

EVENTI COLLATERALI E PARTNER – Il Circo Letterario sarà una vera festa e il quartiere di Sant’Avendrace offrirà nei suoi spazi un rifugio per acquisti “slow”, di qualità, lontano dalle code d’automobile e dalle vie dello shopping, per chi vorrà anticipare la corsa dell’ultimo momento e vivere e condividere un’esperienza di interazione e scambio vera tra autori/autrici e lettori, con un foyer che offrirà continue occasioni di momenti conviviali e informali (mostre, firmacopie, aperitivi, chiacchiere e tanto altro) attrezzato con un angolo dove Unica Radio, media degli studenti dell’Università di Cagliari, trasmetterà podcast e contenuti esclusivi, realizzando interviste in diretta. Sarà presente un Pop-corner di gadget ecofriendly marchiati con il brand del Festival per regali smart e green, e con ben due librerie che per la prima volta collaboreranno una accanto all’altra in un bancone di “mescita di libri” ribattezzato il “BarBook” (con la Libreria Mondadori de I Mulini e della Giunti al Punto di Cagliari) proprio per contribuire a un salto di qualità nella promozione del libro e nell’incremento dei lettori in questo angolo di città tra centro e periferia. Ci sarà infine un fotografo di prestigio nazionale come Riccardo Piccirillo (nel 2022 protagonista con una nomination ai Music Photography Awards, promossi da Abbey Road Studios a Londra, nella categoria “Best Photo) a realizzare foto ritratti d’autore. I laboratori per ragazzi in sardo e quelli per utenze specifiche come le “Bau Letture” di pet therapy in collaborazione con Anffas Onlus Sardegna, Codice, Segreto e Centro Down animeranno le mattine del Circo Letterario.

IL FESTIVAL – Il Circo Letterario nasce nel 2023 e si presenta al mondo con la grinta dei nascituri ma con un preciso Dna che lo vedrà “viaggiante” di età in età, di luogo in luogo, sia fisicamente, tra i piccoli comuni della Marmilla come Segariu, Las Plassas, Ussaramanna, Pauli Arbarei, Genoni, Siddi, Furtei nelle cui scuole e biblioteche si svolgeranno numerosi laboratori per ragazzi e adulti, sia in modo mediatico attraverso la trasmissione in diretta streaming degli eventi principali, massimizzando così la visibilità di ospiti e libri presentati a un pubblico potenziale di curiosi sparsi in tutto il mondo. Un contenitore di eventi letterari, insomma, ma anche di momenti musicali, progetti fotografici e incursioni artistiche estemporanee, in un’atmosfera festosa e spensierata, tra un bicchiere di vino e uno zucchero filato, dietro il magico sipario di Viale Sant’Avendrace 100, per cominciare al meglio la corsa al Natale restando seduti in un teatro, ma lasciandosi trasportare e incantare dalla magia delle sue luci e delle sue storie.

IL TEATRO – L’Associazione Culturale senza scopo di lucro Intrepidi Monelli – Centro di Ricerca Teatrale, si costituisce a Cagliari nel 2009 e si occupa di organizzare eventi legati alla cultura e allo spettacolo; di organizzare attività laboratoriali sulle discipline dello spettacolo; di ospitare compagnie italiane e straniere; di produrre e distribuire spettacoli teatrali; di promuovere la cultura, in tutte le sue forme; di organizzare attività didattiche formative e ricreative in campo culturale, rivolte anche a soggetti socialmente svantaggiati in generale. L’Associazione, con sede in Viale Sant’Avendrace, 100 a Cagliari, ha instaurato rapporti di collaborazione con varie realtà a livello regionale, nazionale e anche internazionale con l’obiettivo di fare degli Intrepidi Monelli un punto di ritrovo per artisti di varia provenienza e far accrescere così culturalmente i soci e la cittadinanza.

FONTE

Ufficio Stampa

Simone Cavagnino

email: s.cavagnino@gmail.com

telefono: +39 340 3951527

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14777393

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details