Era grassa all’inverosimile, miope, faccione e pelle grassa. Crocchia alla nonna Papera e chi più ne ha più ne metta.
Aveva una bella voce , quello si.
Aveva iniziato a studiare canto a soli quattordici anni e a sedici debutta con successo.
Nata in Grecia , precisamente ad Atene, si trasferisce con la famiglia a New York.
Non voglio fare qui una biografia della grande cantante Maria Kalogeropulos nota come Maria Callas.
Voglio mettere in evidenza come è diventata un personaggio, una vera Diva che per anni ha riempito i giornali scandalistici
.
La prima scrittura in Italia fu nell’Aida di Giuseppe Verdi all’Arena di Verona.
La critica fu drastica con lei non per la voce ma per il suo aspetto fisico.
Le gambe della cantante non si   distinguevano da quelle degli elefanti..”
Maria era una persona dal carattere forte e una simile critica non ha fatto altro che risvegliare in lei quell’orgoglio sopito per vari motivi.
Intanto conosce un uomo ricco della Milano bene, molto più vecchio di lei ma innamoratissimo. Lo sposò. Probabilmente questo benessere sarà la spinta verso la cura del suo aspetto.
Dimagrisce in maniera impressionante (30 chili) (si diceva che avesse ingerito uova di tenia), si mette nelle mani dei migliori stilisti e truccatori. Diventa bella e affascinante.
Le scritture piovono dai migliori teatri del mondo.
Ma il successo a volte dà alla testa.
Ora è la grande mitica Maria Callas.
La Maria bella ricca e famosa che incontrerà l’uomo più ricco del mondo, durante una crociera in cui lei e il marito Meneghini erano stati invitati.
Al rientro in porto Meneghini capisce che il suo matrimonio è finito.
Ha captato gli sguardi,la passione, le fughe di Maria con
Onassis.
Quel sangue greco che li univa, non apparteneva a lui e decise di lasciarla libera. La seguirà con devozione fino alla morte.
Ma per Maria la morta arriva troppo presto a soli 54 anni.
Il suo declino comincerà quando saprà dai giornali che il suo Ari sposerà la vedova del presidente degli Stati Uniti, Kennedy, e da lei non tornerà più.
Fu trovata nel suo letto della casa parigina, dalla fida domestica, priva di sensi.
Non si saprà mai se è il suo cuore ha smesso di battere per il dolore dell’abbandono o per un eccesso di barbiturici.
Troppe cose ormai l’avevano distrutta. La voce era in declino e i teatri cominciavano a non inserirla più in cartellone e contemporaneamente il suo amore, quello vero e unico la tradisce platealmente probabilmente anche per questioni finanziarie.
Il povero Meneghini continuerà a portarle i fiori sulla tomba e proteggerà la sua immagine dalle speculazioni. 

Giallo al teatro Lirico di Cagliari. Acquista qui

 

Categories:

3 Responses

  1. Hai ben ragione. Brava,hai scritto proprio un bellissimo post; sono daccordo su tutto con te, forse all’infuori del titolo. Maria Callas è stata una GRANDISSIMA, con 1000 G, ed un’INEGUAGLIABILE (con altrettanti 1000 I)ARTISTA, al di là dell’opulenza iniziale e della bruttezza fisica, ma che temperamento, che attrice, che donna, ma poi……

    Ancora brava

    Lanfranco

  2. Ciao!

    Ti ho commentato nell’altro post, ma ho letto con molto interesse anche questo.

    Bravissima…tu e lei!

    Buona domenica.

    Baciotti!

  3. è vero. grande personaggio maria callas. la sua figura mi ha sempre affascinato e vedo sempre i documentari e i film che di tanto in tanto vanno in onda e non mi bastano mai. sì, il successo le aveva dato alla testa ma chi non avrebbe perso la testa di fronte al mondo che ti adora? è un peccato che poi sia andato tutto a rotoli.. comunque è stata una grande grande grande donna, coi sensi, col cuore e con la VOCE.

    ciao otto! bel post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14763137

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata