Essendo appena uscita da questa struttura, sento il dovere di far sapere quanto questo luogo di sofferenza è stato per me allo stesso tempo luogo di conforto.

Ci sono tantissime cose che non vanno nella società, ma quando una di queste funziona a dovere è giusto che se ne parli.

All’Ospedale Businco di Cagliari ho trovato un’ambiente sereno gestito da bravi professionisti sia fra i medici che fra gli infermieri.

Non ho mai visto (nè in questi giorni e nè precedentemente) infermieri  o medici sgarbati o svogliati nel loro lavoro, cosa che invece avevo notato in altre circostanze e in altre strutture .

La pulizia e l’igiene sono state sempre minuziose e , strano ma vero , i pasti sono arrivati sempre caldi e sigillati e soprattutto vari affichè il malato potesse scegliere in base alle proprie esigenze.

Ovviamente tutto questo è ciò che noi pazienti abbiamo percepito;  i  problemi ci saranno come dappettutto ma riuscire a mettere il malato al primo posto senza lasciar trapelare nulla, trovo che sia un atto di grande serietà, professionalità e civiltà assoluto.

Categories:

3 Responses

  1. meno male che qualcosa di buono c’è allora!!

    :o)

    A te una buona ripresa post-ospedaliera, ciao e sereno we.

  2. Buongiorno 🙂

    capisci la mia assenza… Ero ricoverata con il mio piccolo anche io..

    Non le hanno riconosciuto un’ ottite e continuava ad avere la febbre alta..

    Un calvario senza fine vederlo con le flebo, steccato.

    Ora sono fuori, ma al pensiero che siamo solo a novembre e gia’ si ammala cosi mi viene l’emicrania ..

    Buona domenica otto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14777395

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details