Anche il Natale ogni anno, si presenta con mode nuove.

Infatti nel tempo il modo per festeggiarlo attraverso gli addobbi tradizionali è mutato .

Quando  ero piccola, addobbare la casa per la festa natalizia consisteva nel preparare  il presepe e l’albero ricco di palline di vetro e gnomi multicolori e lucine ad intermittenza colorate.

Anzi più erano colorati più l’albero scintillava e trasmetteva aria di festa.

Poi la moda è passata e sono arrivati gli alberi monocolore o al massimo bicolori che, sinceramente in qualche circostanza sembrano più addobbi funebri che natalizi.

Vabbè, è il mio personale parere.

Io non mi sono lasciata trascinare dalle mode in questo campo ed ho continuato imperterrita nel mio tradizionale albero multicolore.

 Ma la cosa che più mi ha fatto sorridere ormai da qualche anno è stato il Babbo Natale appeso fuori dal balcone.

La prima volta che ne ho visto uno scalando il terrazzo di una casa,  l’ho trovata un’idea simpatica .

La mia bimba rimaneva incantata a guardare col naso all’insù il  personaggio che scalava i balconi; passata la sorpresa, però, è cominciata l’inflazione vera e propria dei Babbi scalatori  .

Non più uno, ma diversi babbi, di tutte le misure,  in salita con scaletta e renne al seguito.

Insomma come al solito quanto si esagera, si perde la freschezza dell’idea e,  come dice il proverbio, "Il troppo storpia" .

 

Categories:

Tags:

4 Responses

  1. Se ci fosse il senso della misura non sarebbe più una moda.

    La moda è proprio questo:imitare quello che fanno gli altri.

    E’ come per l’abbigliamento:se va di moda il pantalone a zampa d’elefante,la maggior parte delle persone tenderà ad indossare questo tipo di pantalone….

    Se non segui la moda,sei “fuori moda”.

    La moda non può avere il senso della misura…

    Ciao.Buon Natale,anche se in ritardo.:-)) faraluna

  2. ciao otto

    da me e pieno di babbo natale appesi o sui tetti !!!

    devo dire alcuni sn davvero carini.

    buone feste e a prestov

  3. chi appende i babbi fuori dai balconi è come se presentasse un proprio bioglietto da visita. bisogna sempre vedere “chi” segue le mode.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14776944

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details