Leggendo Montalbano

Anche quest’estate, come faccio ormai da diversi anni, mi sono dedicata alla lettura dei libri di Andrea Camilleri ed in particolare delle avventure o disavventure del commissario Montalbano.

L’utlimo della serie è "La paura di Montalbano".

Rimango sempre affascinata dal modo in cui Camilleri descrive i personaggi e le diverse sensazioni che prova quest’uomo (Montalbano appunto) in tutte le circostanze che si presentano: il lavoro, i rapporti con i colleghi, le indagini, le donne ed in particolare la sua vita personale come quella per la passione del cibo genuino e delle ricette della sua terra.

La bellezza di queste storie sta nell’aver usato il dialetto siciliano.

Quando presi in mano per la prima volta uno di questi romanzi, e vidi come erano scritti, istintivamente mi venne di metterlo da parte; non riuscivo a leggere spedita questa lingua a me sconosciuta, ma poi, è bastato andare avanti per qualche pagina e scoprirne tutto il fascino.

Il grande successo di questi libri nasce dal fatto che lo scrittore Camilleri  sia riuscito a far accettare il suo linguaggio libero a chiunque.

Quando ho preso piede non sono riuscita più a smettere.

E’ stato come una droga.

Ho letto tutti i suoi romanzi d’un fiato e quando smetto ho quasi un’astinenza.

Le parole: taliare, arriniscire, assittare, acchianare, stanno entrando pian piano come intercalare anche nel mio linguaggio giornaliero .

E’ strano, ma a volte con qualche collega, anch’essa appassionata del genere, comunichiamo usando questi termini.

Geniale e prolifico Camilleri!

Mi è venuta la curiosità di sapere come nasce questo personaggio ed ho trovato una bella intervista che La Banca della Memoria gli ha fatto recentemente eccola!

 

 Intervista a Camilleri

 

leggi tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.