La chiesa dei SS. Giorgio e Caterina in costruzione

 

il retro della chiesa

Oggi ho ricevuto un bellissimo regalo dalla signora Ghisi Grütter figlia del costruttore della chiesa dei SS.MM. Giorgio e Caterina, l’ Ing. Adolfo Grütter: Diverse fotografie inedite che ritraggono la chiesa in costruzione e i protagonisti della realizzazione.
La proprietaria delle foto non è sicura ma i tre uomini ritratti nella quarta foto sottostante dovrebbero essere il sig. Ciro Montagna, l’operaio capomastro fidato di suo padre; quello al centro  l’ingegnere Marco Piloni e forse l’architetto Francesco Giachetti

Sono particolarmente affezionata a questa chiesa che ho visto prendere forma anche se ero davvero piccola. Qui sono cresciuta e mi sono sposata.  E’ qui che ho mosso i primi passi nella musica; suonavo la chitarra e cantavo nel coro parrocchiale. 

 

F. Masala, Architettura dall’Unità d’Italia alla fine del ‘900, collana “Storia dell’arte in Sardegna”, Nuoro, Ilisso,2001, sch. 140:

Marco Piloni, Francesco Giochetti, Chiesa dei Santi Martiri Giorgio e Caterina dei Genovesi, 1957-64 Cagliari
La chiesa dell’Arciconfraternita dei Genovesi rappresenta uno dei più importanti casi della ricostruzione a Cagliari, poiché, rinunciando al ripristino “dov’era e com’era”, ma anche ad una costruzione ex novo nella stessa via Manno dove si trovava fino al bombardamento del 13 maggio 1943, fu eretta dopo circa vent’anni alle pendici del Monte Urpino come parrocchia di un quartiere ormai popolatissimo. L’edificio infatti fu al centro di lunghe contestate vicende con protagonisti il priore dell’Arciconfraternita, Carlo Bonicelli, e l’arcivescovo di Cagliari, Mons. Paolo Botto: dopo la predisposizione del progetto di un oratorio provvisorio (1946, ing. L. Pani) e di una chiesa nuova nelle forme e nelle strutture (1947, arch. A. Valente), ma sempre nell’area primitiva, a seguito dell’offerta di trasferimento del sodalizio genovese in altre chiese, fu decisa la permuta del terreno della centralissima e commerciale via Manno (venduto al gruppo de La Rinascente) con
l’area nuova. Negli anni cambiarono anche i termini del problema fino al progetto dell’ingegnere Marco Piloni, di origine sarda, e dell’architetto Francesco Giachetti (1957). Il risultato fu un edificio contestato per la sua modernità fin dal suo apparire, con le forme ogivali e una pianta centrale inconsueta per Cagliari (se si escludono le chiese barocche di Sant’Antonio e, parzialmente, di San Michele, rispettivamente nei quartieri della Marina e di Stampace).

La chiesa si caratterizza per i grandi archi paraboloidi visibili già dall’esterno e suggeriti ai progettisti da un desiderio del priore Bonicelli in rapporto con la chiesa romana dei SS. MM. Canadesi di Bruno Maria Apollonj Ghetti. Furono utilizzati materiali di spoglio come il grande stemma sovrastante l’ingresso e i marmi delle cappelle, ripresi negli altari odierni.

Tra gli aspetti più interessanti sono le vetrate astratte con simboli della Passione, disegnate da Rolando Monti, e i dipinti monocromi di Dino
Fantini, che hanno sostituito quelli commissionati inizialmente dall’Arciconfraternita al pittore Foiso Fois, dei quali rimangono bozzetti di grande forza espressiva.

1959 -questa foto mi ritrae molto piccola con i miei fratelli maggiori e mia madre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.