Qualche anno fa, capitai per caso ad una mostra di oggetti realizzati in prevalenza con della carta e cartone  e materiali vari di riciclo. In quell’occasione conobbi l’artista (ingegnere) Francesco Secci che avera realizzato con questi materiali, una città in miniatura. Lo scorso anno mi mandò le foto della Sagra di Sant’Efisio realizzata alla stessa maniera (trovate i link a fine articolo). Mi disse che il periodo di lodkdown era stato molto prolifico.

Quest’anno, come potrete vedrere dalle foto, ha completato l’opera riguardo la Sagra più famosa della Sardegna, soffermandosi soprattutto nel momento in cui il Santo, col suo cocchio  giunge davanti al Palazzo del Sindaco, dove poco prima i fedeli hanno fatto “Sa ramadura” e cioè cospargono di petali di fiori la strada antistante il palazzo,

 

Sagra di Sant’Efisio 2022 – Sa ramadura qui davanti alla Stazione ferroviaria di Cagliari

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14771671

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details