Mostra collettiva al T Hotel, da non perdere!

Si inaugura domani sera, Giovedì 26 maggio, una mostra davvero originale che ha per titolo “La Moda che non Ti aspetti” | Unexpected Fashion Mostra collettiva | 26 Maggio-30 Settembre2022 sarà a Cagliari al T Hotel fronte Parco della musica

Dichiariamolo subito! Il futuro della moda è il suo passato.

Forma, materia, e tecnica sono i tre elementi della tradizione, in equilibrio tra loro, capaci ancora oggi di emozionare e di dare vita al sogno della Moda del futuro. E la Sardegna continua ad essere epicentro di eccellenze, creazioni e manufatti che la rendono desiderabile per formarsi e per fare esperienze culturali e sensoriali.

Questa mostra vuole raccontare in che modo una materia grezza, sapientemente lavorata, sia in grado di produrre emozioni e in che modo una tecnica (spesso antica) possa manipolare materiali diversi come terra, legno, pietra, ferro e lana, per arrivare ad una forma, ad una armonia. La professionalità dei maestri artigiani locali si confronta con il dorato e non troppo lontano mondo dell’alta moda e del lusso.

carola ciani

Il silenzioso lavoro  di questi artisti, colonna portante del design nel senso più ampio, diventa oggi protagonista in questa mostra. Oggetti unici e irripetibili che potete ammirare al THotel: un

albergo che per i prossimi mesi si “veste” di nuova e pregiata eleganza.

Partecipano:

Andreina Argiolas,   Pietrina Atzori,   Giorgia Bistrusso,   Marco Caboni di Velette Sospette,  Patrizia Camba,   Salvatore Campus,   Carla,   Cavica & Ferdinando Bifulco,   Carola Ciani,   Tiziana Contu,   Anne Coyon e Susanna Pilia,   EDIZERO Architecture for Peace by ECHOME,   Valentina Enas,   Fabio Frau,   Federicapilotasenzapunto,   Maria Daniela Ghiani,   Gusho + Studio Vertice,   Loops (Paola Riviezzo, Simona Prasiolu, Emanuela Luppi),  Claudia V. Mazohl de La Ceramica Mediterranea,  Gianluca Melis,  Antonio Rais,  Silvana Sanna,  Christian Soru,  Rosaria Straffalacci,  Maria Cristina Boy e Margherita Usai di Tramare,  Antonello Utzeri.

Antonio Rais

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.