Lunedì ad Alghero (Ss) i Matt Bianco in concerto a Lo Quarter (ore 21.30) per la sesta edizione della rassegna JazzAlguer.

*È uno dei concerti di spicco nel cartellone di JazzAlguer, la rassegna organizzata ad Alghero (Ss) dall’associazione culturale Bayou Club-Events, in pieno corso da aprile fino a novembre con la sua sesta edizione. Lunedì sera (7 agosto) il palco allestito a Lo Quarter accoglie infatti alle 21.30 uno dei gruppi britannici di maggior successo emersi nei prolifici anni Ottanta: . Al centro dei riflettori, accanto al leader e fondatore Mark Reilly una formazione di sei elementi: la cantante Elisabeth Troy, David O´Higgins al sassofono, Martin Shaw alla tromba, Graham Harvey al pianoforte e alle tastiere, Geoff Gascoyne al contrabbasso e Sebastiaan De Krom alla batteria.

 I biglietti, a 30 euro, si possono acquistare online su www.mailticket.it e lunedì sera al botteghino aperto a Lo Quarter a partire dalle 19.30. Info e prenotazioni al 3391161674 e all’indirizzo di posta elettronica bayouclub.info@gmail.com.


Matt Bianco (il nome è ispirato a un personaggio fittizio del genere spy story) nascono nel 1982 intorno a un nucleo formato dal cantante Mark Reilly (l’unico membro stabile nel corso degli anni), Danny White alle tastiere e Kito Poncioni (scomparso nel 2001) al basso, tutti già membri della band Blue Rondo A La Turk. Per il primo album, “Whose Side Are You On?” (1984), si unisce al gruppo la cantante polacca Basia Trzetrzelewska, che porta negli arrangiamenti vocali quella dimensione jazzistica che diventerà, da quel momento, un tratto peculiare del gruppo e di grandi successi come “Get out of your Lazy Bed” e “Half a Minute”, facendo dei Matt Bianco una delle band più famose degli anni Ottanta.

Dopo il primo album, Basia Trzetrzelewska e Danny White lasciano il gruppo per intraprendere la carriera solista, e Mark Reilly trova allora come partner musicale il tastierista Mark Fisher con cui registra nel 1986 l’album “Matt Bianco”, che include il grande successo “Yeah Yeah”, seguito da un tour europeo che li ha visti esibirsi di fronte a più di 250.000 persone. Due anni dopo arriva il terzo lavoro in studio, “Indigo”, con brani come “Don’t Blame It On That Girl”, “Good Times” e “Wap Bam Boogie”, che diventa il singolo dance europeo dell’anno.


Pubblicato “Samba In Your Casa“, nel 1991, Reilly e Fisher si separarono dalla loro casa discografica e si mettono in proprio per registrare i loro lavori. Gli album “Another Time Another Place” (1994), “Gran Via” (1995), “World Go Round” (1997) “Rico” (2000) e “Echoes” (2002) scandiscono la seconda metà degli anni novanta e gli inizi del nuovo millennio; il ritorno nel gruppo di Basia Trzetrzelewska e Danny White, nel 2003, porta alla ricostituzione dell’originale Matt Bianco dopo vent’anni di separazione, suggellata dalla pubblicazione, nel 2004, dell’album “Matt’s Mood”, seguita da un tour mondiale con tappe nel Regno Unito, in Giappone e negli Stati Uniti.


Nel 2009 Mark Reilly e Mark Fisher si riuniscono nuovamente e pubblicano “HiFi Bossanova”, il loro primo album in studio insieme dopo sette anni, si esibiscono in concerti e festival jazz in tutto il mondo e nel 2012 licenziano un nuovo disco, “Hideaway”. Per espandere la sua prospettiva creativa, Mark Reilly collabora con la band olandese New Cool Collective per realizzare un album in collaborazione: “The Things You Love”.


Un anno dopo la scomparsa di Mark Fisher, nel 2016, esce “Gravity”, registrato con una formazione di musicisti provenienti dal jazz con i quali Mark Reilly fa un lungo tour promozionale. Il 2020 vede una reunion con il gruppo olandese New Cool Collective per l’album “High Anxiety”, mentre è del giugno dell’anno scorso il doppio album “The Essential Matt Bianco. Re-Imagined, Re-Loved”, con grandi successi della band di Mark Reilly, a quarant’anni dalla nascita, ri-registrati o remixati.

 

·  JazzAlguer ritorna il 17 agosto

Dopo quello con i Matt Bianco, il prossimo appuntamento di JazzAlguer è in calendario giovedì 17 agosto: in arrivo un esponente di primo piano della canzone d’autore italiana degli ultimi trent’anni, Mario Venuti, in concerto a Lo Quarter, sempre con inizio alle 21.30.


Per altre notizie e aggiornamenti sulla rassegna: www.bayouclub-events.com • www.facebook.com/jazzalguer • instagram.com/jazzalguer.

La sesta edizione di JazzAlguer è organizzata dall’associazione culturale Bayou Club-Events con il patrocinio del Comune di Alghero e il contributo dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione di Sardegna, della Fondazione Alghero, del Banco di Sardegna e della Camera di Commercio di Sassari nell’ambito del bando Salude&Trigu.

* * *

Bayou Club-Events • via Kennedy, 71 • 07041 Alghero (Ss)
tel. 328 83 99 504 / 339 11 61 674• e-mail: jazzalguer@gmail.com • info@jazzalguer.it
www.bayouclub-events.com • ww.facebook.com/jazzalguer • instagram: JazzAlguer

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14763138

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata