Franco si sveglia nel parco di Monte Claro a Cagliari. Non sa cosa gli sia accaduto. Non ha con sé i documenti, il telefono e le chiavi dell’auto. Teso e preoccupato, corre verso casa dei suoi genitori per chiedere aiuto e capire. Le sue aspettative vengono disattese: il padre non è in casa e la madre lo tratta come uno sconosciuto cacciandolo via.

Lui cerca così di contattare la sorella, ma anche lei si rivolge a lui come fosse un estraneo. Stesso risultato ottiene con la sua ex ragazza, il suo migliore amico e tutti i conoscenti con cui avrà a che fare.

Successivamente, Franco spera di risolvere con una ricerca su internet; riesce così a contattare un uomo che gli dà delle indicazioni per poter tornare alla sua vita, ma questo tentativo risulterà solo un’ illusione. Si ritroverà a vivere come uno dei tanti senza fissa dimora che aveva conosciuto nella sua esperienza d’educatore. Nella sofferenza e nella solitudine rifletterà sulla sua vita e su quella di tutti gli altri personaggi significativi che mano a mano incontrerà: il Vecchio, Edoardo, Giuseppe, Matteo, Lucio, Salvatore e Sonia.

Questi si sono persi e, nella maggior parte, fatti sopraffare dai vizi umani più autolesionisti: alcol, droga, gioco d’azzardo. Per ciascuno di loro si pone in risalto il rapporto esistente tra le scelte libere che hanno potuto fare e il destino ineluttabile che hanno dovuto subire. Franco avrà così modo di comprendere ciò che logora e ciò che migliora la vita umana, ricercando, e trovando, il senso più profondo dell’esistenza.

Tra le persone incontrate, assume particolare importanza Salvatore; da lui viene a sapere di essere deceduto e finito in un universo parallelo che viene chiamato “luogo della comprensione”, raggiungibile attraverso la morte o il sonno profondo. Questo è simile al suo vecchio mondo, ma con la differenza che lui non ci ha mai vissuto; un passaggio complicato, ma inevitabile, che tutti gli uomini devono affrontare e oltrepassare per raggiungere la felicità.

Questo è un estratto del libro UOMINI PERSI di Stefano Sarais, il suo primo libro, ispirato a storie vere. Ve lo consiglio vivamente. Potrete acquistarlo attraverso questo link

 

 

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14776873

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details