Con tutto il rispetto per chi adora il Sushi, ma io non lo amo

Mi spiace. Non posso dire che fosse cattivo, anzi mi sono accorta che era un prodotto freschissimo e fatto bene, ma non mi è piaciuto.

Che dirvi?

Aspettavo da tempo il momento giusto per poter assaggiare questa tanto decantata pietanza giapponese.

Ieri, in occasione di una festa di famiglia, finalmente ci siamo recati in questo famosissimo ristorante dove la pietanza principale è appunto lui:

il Sushi.

C’era una tale varietà e una tale scelta che istintivamente volevo prendere il piatto più grande, quello che comprendeva ben 24 assaggi di diverso genere..

Anche mia figlia, non vedeva l’ora di assaggiarlo perchè una sua compagna molto snob non faceva altro che parlarle di questa leccornia.

Tutto il ristorante è in stile Giappone-Butterfly.

Grandissima pulizia  raffinatezza e gentilezza.

Un servizio impeccabile insomma.

La bellezza dei piatti era indescrivibile, sia per la loro forma molto varia, sia per i profumi e gli aromi. Visivamente erano proprio delle belle opere d’arte.

 Ecco però mi voglio soffermare qui, gli aromi, le salsine con annessi e connessi.

Nel piatto scelto vi ho trovato oltre ai tanti rotolini di pesce crudo multicolore, un ciuffettino di salsetta di cui non conoscevo la composizione. Senza pensarci due volte vi ho inzuppato un piccolo trancio di pesce, nella speranza di toglierli il sapore del crudo.

Aiutoooo al fuocoooo!!!.

Un specie di bagnoschiuma- crema-per il corpo Badedas con la potenza di 100 peperoncini.

Non vi posso descrivere cosa ho sentito dentro la mia bocca in quell’istante. I miei erano preoccupati perchè non riuscivo neppure a dire cosa mi stava succedendo. In mezzo a tante persone urlare sarebbe stata l’ultima cosa e soprattutto col boccone incandescente.

Sono riuscita con abilità a liberarmi del bolo infuocato ma non sono stata poi in grado di continuare.

In compenso mi sono rifatta con un dolce delizioso alla mela che mi ha ripagato della delusione del pesce.

Non voglio assolutamente far cambiare idea a chi adora questo piatto, anzi, consiglio vivamente il posto  (Luigi Pomata in viale Regina Margherita a Cagliari) perchè a mio marito è piaciuto molto e perchè era strapieno di gente che mangiava soddisfatta.

Categories:

2 Responses

  1. beh a me piace assaggiare di tutto..

    però preferisco i gusti nostrani della mia terra.. capuzi garbi e jota compresi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14777395

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details