Ieri sera durante le prove di regia dell’opera Tosca, una bambina del coro delle voci bianche mi ha chiesto cosa significava fare “tableau“. Il regista infatti lo aveva chiesto poco prima  a tutti gli artisti presenti sul palcoscenico.
Le ho spiegato che la parola è di origine francese e che sta a significare “quadro“.
Fare “tableau” significa quindi stare immobili generalmente alla fine di un atto o dell’opera stessa per pochi secondi, proprio come un quadro di modo che il pubblico  possa  apprezzarne la scenografia, la coreografia, i costumi e poi applaudire.
A volte il tableau può anche aprire una scena o più scene dove gli artisti da una posizione statica, prendono vita creando poi le situazioni previste dal libretto.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14763133

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata