A Cagliari tre appuntamenti con la comicità

Mercoledì 9 marzo all’Auditorium del Conservatorio è di scena Angelo Duro con lo spettacolo “Da vivo” (già sold out).
Il 16 maggio Katia Follesa e Angelo Pisani presentano “Finché social non ci separi”.
Il 26 maggio i PanPers (Andrea Pisani e Luca Peracino) chiudono la rassegna con “10 anni di minchiate”.

Tre appuntamenti con la comicità in arrivo a Cagliari per iniziativa della cooperativa FPJ – Forma e Poesia nel Jazz diretta da Nicola Spiga, tutti in programma all’Auditorium del Conservatorio e con inizio alle 21. Apre la rassegna, questo mercoledì (9 marzo), Angelo Duro, e c’è già il tutto esaurito per il suo spettacolo “Da vivo”; si torna a ridere il 16 maggio con Katia Follesa e Angelo Pisani e il loro “Finché social non ci separi”; completano il trittico I PanPers, la coppia comica formata da Andrea Pisani e Luca Peracino, di scena il 26 maggio con 10 anni di minchiate.

Partito dalla televisione nel 2011 con il ruolo di “disturbatore” nel programma “Le Iene”, passato per il cinema tra i protagonisti del film di Fabio De Luigi “Tiramisù” (2016), Angelo Duro ha debuttato in teatro col suo primo spettacolo, “Perché mi stai guardando?”, nel 2018. Palermitano, quarant’anni da compiere il prossimo agosto, non si sente un comico: sfuggendo alla schiavitù della battuta per far ridere a tutti i costi, porta in scena se stesso, libero di dire quello che vuole, raccontare a modo suo, non volendo risultare simpatico ma semmai provocare una reazione nello spettatore con la sua ironia cinica e irriverente. È questa la chiave del successo di Angelo Duro, che conta quasi due milioni di follower sui social e teatri sempre pieni ai suoi spettacoli. Come in questo “Da vivo” che mercoledì approda a Cagliari lungo la rotta del tour nato dopo i blitz di protesta contro la chiusura dei teatri che ha compiuto lo scorso settembre in una chiesa a Roma, su un autobus a Brescia e in un supermercato e un fast food a Milano.

Coppia sul palco ma soprattutto nella vita, Katia Follesa e Angelo Pisani nel loro spettacolo “Finché social non ci separi”, in scena all’Auditorium del Conservatorio il 16 maggio (e la sera prima al Teatro Verdi di Sassari per l’organizzazione delle Ragazze Terribili), hanno scelto di dirsi tutto, anche le cose meno belle, e per farlo si sono affidati all’ironia che smorza i toni senza sminuire l’importanza di ciò che ci si dice. Tutto parte da una lista dei difetti: Katia scrive quelli di Angelo e lui fa altrettanto con quelli di lei. La lista viene mostrata al pubblico che sarà chiamato a dire la sua attraverso il meccanismo dei bigliettini anonimi e dei social. Ne viene fuori così un percorso comico nella convivenza tra l’uomo e la donna per sottolineare che la bellezza sta proprio nella diversità dei due emisferi a confronto.

Musica, monologhi e sketch comici, giochi, ospiti a sorpresa e altro ancora per una serata all’insegna della risata: si presenta così 10 anni di minchiate, lo spettacolo del duo PanPers che chiude la rassegna cagliaritana il 26 maggio. Non solo un’antologia dei migliori pezzi proposti da Andrea Pisani e Luca Peracino in due lustri di attività, ma un vero e proprio raccoglitore di tutto quello che hanno creato dai loro esordi a oggi. Oltre ai personaggi più riusciti del loro repertorio (Lo Zombie, Mika e Fedez, Sig. Brenton) ci saranno infatti parodie musicali mai sentite e sketch inediti, talmente vecchi che non hanno mai visto la luce, né in televisione né in cantina.

I biglietti per tutti gli spettacoli si potranno acquistare a Cagliari al BoxOffice in viale Regina Margherita, 43 (info e prenotazioni: 070657428), e su www.boxol.it. La rassegna è organizzata dalla cooperativa FPJ – Forma e Poesia nel Jazz (tel. 3883899755) con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato allo Spettacolo e Attività Culturali).

* * *

FPJ – Forma e Poesia nel Jazz – soc. coop. Soc.
tel. 388 38 99 755 • www.formaepoesianeljazz.com
formaepoesianeljazz@gmail.com
info@formaepoesianeljazz.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.