Lolek Vocal Ensemble di Barbara Agnello

La grande musica di Max Reger al Sacro Cuore domani 8 giugno l’omaggio al compositore tedesco. Con Ugo Spanu (organo), Andrea Ivaldi (pianoforte) e Angelo Vargiu (clarinetto), il soprano Claudia Spiga con la pianista Caterina Careddu e il Coro giovanile Lolek Vocal Ensemble di Barbara Agnello

 Un concerto in quattro parti per ricordare la figura di Max Reger, compositore e organista tardo-romantico tedesco, è il prossimo appuntamento con il Festival del Mediterraneo, la rassegna organizzata dall’Associazione culturale Arte in musica, in programma giovedì 8 giugno alle 20,30 nella basilica del Sacro Cuore a Sassari. La serata sarà aperta da Ugo Spanu, organista e docente al Conservatorio “Luigi Canepa” di Sassari, oltre che direttore artistico dell’Associazione Arte in musica, che eseguirà “Fantasia e fuga su B-A-C-H” Op. 46, scritta da Reger nel 1900. A seguire il duo composto da Angelo Vargiu (clarinetto) e Andrea Ivaldi (pianoforte) presenterà la Sonata in mi bemolle maggiore op. 49 n°1, composta nel 1901 dallo stesso Reger. I due artisti sono entrambi docenti al “Canepa” e hanno in curriculum una lunga attività concertistica in Italia e all’estero.

Alla serata interverrà quindi il Coro giovanile Lolek vocal Ensemble, primo nel suo genere a Sassari, nato nel 2011 e diretto fin dalla fondazione da Barbara Agnello. Tra i brani proposti, i tradizionali “Greensleaves” e “Evening Rise” e canti di Manolo da Rold, Claudio Monteverdi, Thomas Ravenscroft. Il concerto si chiuderà ancora nel segno di Max Reger con l’esecuzione di alcuni brani per voce e pianoforte del giovane duo composto dal soprano Claudia Spiga e dalla pianista Caterina Careddu.

Annualmente l’Associazione Arte in musica, dedica, all’interno del Festival del Mediterraneo, ampio spazio a progetti monografici rivolti a compositori di particolare interesse nel repertorio organistico e nella storia della musica. L’obiettivo è quello di mettere in luce i diversi aspetti che si evidenziano nell’opera del compositore, dal confronto tra lavori scritti per diversa destinazione o diverso organico strumentale e/o vocale e dal confronto con compositori che hanno operato nello stesso periodo storico. Il concerto di domani è il terzo appuntamento di una serie di sei eventi realizzati in collaborazione con i docenti dei Conservatori di Musica di Sassari e di Cagliari; i prossimi si terranno nelle date 14 e 28 giugno a Sassari, ancora nella basilica del Sacro Cuore e ad Alghero il 24 giugno nella Cattedrale di Santa Maria.

Il Festival del Mediterraneo 2023 è sostenuto da ministero della Cultura, Regione Sardegna, Consiglio Regionale della Sardegna, Fondazione di Sardegna, dalla Camera di Commercio di Sassari attraverso il programma “Salude e trigu”, da Fondazione Alghero e Comune di Alghero.

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14763407

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata