Chiude il sipario sul Festival Spaziomusica quarantaduesima edizione ECHOIC MEMORY

Domani (giovedì 9 novembre) dalle 20.30 al Ghetto – Cagliari, via Santa Croce, 18, ci sarà l’ultimo evento dello storico festival, con l’installazione multimediale “Dimension-Space” di Jacopo Foschi L’installazione è formata da un prisma di led posto al centro di un perimetro quadrato formato da 4 speaker in quadrifonia. Il pubblico può muoversi liberamente all’interno di  

questo spazio. I led e l’audio si muovono a volte indipendentemente l’uno dall’altro, altre volte si seguono nella dimensione spaziale e di intensità 

 Chiusura in bellezza alle 21.30 il concerto “New Song” dell’Ensemble Laborintus.

Alle 21.30 concerto ”New Song” dell’Ensemble Laborintus, con Marta Raviglia, voce, Simone Sassu, pianoforte e tastiere, Angelo Vargiu, clarinetto, Stefano Alivesi, chitarre, Lorenzo Sabattini, basso e Luca Piana, batteria e percussioni. Verranno eseguite musiche di Vanessa Bissiri, Domenico Canu, Nicolò Cottu, Claudia Crabuzza, Carlo Doneddu, Pietro Dossena, Daniele Manca, Gino Marielli, Paolo Pessina, Marco Piras, Marcello Pusceddu, Lorenzo Sabattini, Simone Sassu, Graziano.

 Il progetto New Song nasce dall’idea di creare un ambito di riflessione artistica tra compositori di aree, formazioni, stili e ispirazioni estremamente diversi, utilizzando come medium comune la forma canzone, unione storicamente individuata e formalmente riconoscibile di testo e musica. L’Ensemble Laborintus è il committente e l’esecutore di un tentativo di fare ricerca musicale senza pregiudizi intorno all’oggetto musicale più antico, sfruttato, trasversale e universalmente conosciuto nella storia della musica. Il risultato è uno stimolante e interessante confronto tra autori che, pur nelle grandi differenze, hanno aderito adattandosi al progetto, volendo dare un segnale poetico-artistico individuale come proposta per un genere normalmente identificato solo nell’ambito della musica commerciale. Produzione e ideazione dell’Associazione LABORINTUS, Sassari

Spaziomusica è realizzato con il contributo del MiC (Direzione generale spettacolo dal vivo), Regione Autonoma della Sardegna, (Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport) e del Comune di Cagliari, (Assessorato alla Cultura, Pubblica Istruzione, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili) in collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari.

 Il prezzo dei biglietti per i singoli appuntamenti della manifestazione è di 2 euro

Per informazioni chiamare o scrivere al numero +39 333 5485648 o alla mail spaziomusica@gmail.com o recarsi alla biglietteria presso Il Ghetto.

 

LA DIREZIONE ARTISTICA – La memoria ecoica è un sottosistema di memoria sensoriale a breve termine che memorizza per un tempo limitato le informazioni uditive” spiega Fabrizio Casti, direttore artistico del festival Spaziomusica. “Ci consente di elaborare e comprendere il parlato, riconoscere i suoni e ascoltare la musica. Agisce come un buffer uditivo temporaneo e svolge un ruolo vitale nella percezione del parlato e nel riconoscimento del pattern uditivo. Quando sentiamo un suono, la memoria ecoica si attiva e il cervello mantiene una replica perfetta di quel suono per un breve periodo. Possiamo persino rimandare l’attenzione al significato del suono mentre lo sentiamo e interpretarne invece la copia memorizzata. Con la 42° edizione del Festival, l’Associazione Spaziomusica continua la sua esplorazione. Protagoniste di questa edizione saranno le nuove tecnologie audio-video, quali le installazioni multimediali, mapping e tutte le arti performative di nuova progettazione. Sono tantissime le prime produzioni assolute e le collaborazioni nazionali ed internazionali con Ensemble di fama mondiale e nomi prestigiosi del panorama della musica contemporanea che ospiteremo negli spazi del Ghetto di Cagliari.” 

 

 

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14776870

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details