giusy-evaEVA è un’operetta estremamente piacevole: lo spartito è considerato uno dei più belli di Lehár e da molti è giudicato più elegante della stessa Vedova Allegra. Tanti i temi ancora oggi popolari: dalla famosissima marcia “Oh Parigina bella ed elegante” al Can Can, alla bellissima melodia “La Cenerentola sei tu per me”, al valzer “Sia pur chimera felicità”.

Poiché l’operetta è una simpatica lezione di felicità, alla sincerità e al lirismo della protagonista si contrappone l’impertinenza della coppia comica qui allargata ad una serie di altri simpatici personaggi che assicurano il buonumore con numeri musicali sempre allegri e spettacolari. Ovviamente non manca il lieto fine: come in una ennesima variante di Cenerentola, Eva riscatterà la sua marginalità sociale grazie all’amore.
Eva è, infatti, una giovane operaia che lavora nelle vetrerie di Montailleux in Belgio ed è la “mascotte” del personale. E’ stata abbandonata da piccola, ed il buon Larousse, operaio anch’egli, l’ha adottata e non le fa mancare il suo affetto. Nel giorno del suo ventesimo compleanno Eva conosce il nuovo proprietario delle vetrerie, Ottavio Flaubert: bello, ricco, gran viveur. Eva ne rimane colpita: il mondo di Ottavio, con i suoi amici allegri e spensierati, le ricorda quello del teatro che tanto l’attrae. D’altra parte, pur non sapendolo, è figlia di una famosa cantante.

Essa viene invitata da Ottavio nella sua villa, lui la corteggia, la incanta, la seduce, ma giungono gli operai, guidati da papà Larousse, decisi a difenderne l’onore. Il giovane vedendosi in difficoltà, annuncia che Eva sarà la sua sposa ma, appena gli operai se ne sono andati, ride divertito. Eva è disperata: Ottavio l’ha presa in giro. Per Eva un altro abbandono è troppo, fugge! Sola, sfiduciata e delusa va a Parigi, dove, dopo una serie di peripezie, riesca a diventare una famosa cantate. Una sera, durante uno spettacolo, Eva ed Ottavio si incontrano. Eva è cambiata: non è più l’ ingenua e sognatrice ragazza che Ottavio ha conosciuto a Bruxelles, ma è una donna sicura ed affermata.

Le lusinghe di Ottavio non fanno più breccia nel suo cuore o almeno così crede. Anzi, per fargli dispetto Eva dice di essere fidanzata con un Duca. Ottavio si sente mancare. E’ sincero: ha sempre amato Eva, ma di fronte alla sincerità di questo sentimento, anche Eva ammette di aver amato solo lui. La felicità non è più una chimera e come nella fiaba di Cenerentola, Eva e Ottavio… vissero per sempre felici e contenti.
Fonte: http://www.teatrocasalecchio.it

Vi propongo questo video dove Eva è interpretata dal soprano cagliaritano Giusy Devinu al Teatro San Carlo di Napoli nel 1998.

(Facebook :Un parco per Giusy – Clicca MI PIACE e condividi).


YouTube Direkt

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779172

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details