gisella VaccaCortometraggio costruito intorno a un canto in lingua sarda
(soggetto, sceneggiatura e regia Gisella Vacca; direttore della fotografia Paolo Carboni)
Una donna si ribella al suicidio e si rifugia nelle parole della vecchia che sa. La Vita si ri- svela attraverso il ritorno alle radici.
La Terra, l’Acqua, il Fuoco, simboli mitici di elementi primordiali, s’inseguono dentro il vulcano infinito del Cielo. A volte danzano, a volte si fanno la guerra, ma più spesso, come ora, si riordinano nei tratti tenerissimi di volti e luoghi molto amati. E insieme alla musica, al canto, riportano alla vita una bimba ancora affamata di fiabe.

YouTube Direkt

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779167

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details