Premio al tenore sardo Demuro

 Omaggio del Conservatorio Canepa di Sassari

“Lieto e onorato di un’onorificenza preziosa, viene dalla mia terra e da un’istituzione di gran rilievo, sarà di ulteriore sostegno nel portare il nome della Sardegna nel mondo”.

Così il tenore Francesco Demuro, stella della lirica internazionale, racconta le sue emozioni alla vigilia del premio “Una Sinfonia per…”, indetto dal Conservatorio musicale “Luigi Canepa” di Sassari e aggiudicato dalla giuria presieduta dalla prefetta Paola Dessì.

La cerimonia di consegna si celebrerà domani – venerdì 28 gennaio – al Teatro Comunale di Sassari, dove alle 20.30 un grande concerto sinfonico inaugurerà l’Anno Accademico della più longeva istituzione di alta formazione musicale isolana, istituita nel 1862.

Protagonista l’orchestra sinfonica del Conservatorio diretta da Andrea Raffanini, con circa sessanta elementi tra studenti, ex allievi e docenti. L’ensemble, già diretto da prestigiosi maestri come Umberto Benedetti Michelangeli, Massimo Pradella, Pietro Borgonovo, Augusto Vismara, Ernesto Gordini e Michele Nitti, per i suoi vent’anni di attività proporrà la “Sinfonia n. 40 in sol minore, K 550″ di Wolfgang Amadeus Mozart, le “Soirées musicales, op. 9” e “Matinées musicales, op. 24” di Benjamin Britten.

Francesco Demuro non sarà in sala: impegnato nelle prove della “Sonnambula” di Vincenzo Bellini al teatro San Carlo di Napoli, il maestro di Porto Torres si collegherà dal palco partenopeo al teatro di Sassari e in diretta tv durante la serata di cui sarà madrina d’eccezione Geppi Cucciari, che con l’orchestra sassarese ha stabilito un feeling speciale già la scorsa estate al festival “Musica in crescendo” di San Teodoro.

Col premio culturale “Una sinfonia per…” il Conservatorio tributa musicisti e studiosi sardi che si sono distinti per la promozione della cultura. Nel 2021 il premio è andato al trombettista jazz Paolo Fresu. “Plaudo ed esprimo la riconoscenza del Conservatorio alla prefetta Paola Dessì e alla commissione che ha premiato Francesco Demuro”, dice il presidente del Conservatorio, Ivano Iai, definendo il tenore “personalità eminente della cultura musicale, che dà lustro e rappresenta la Sardegna e il Conservatorio, di cui fu allievo entusiasta e talentuoso”.

Sarà ricordato con una targa anche il maestro Armando Marrosu, chitarrista e insegnante scomparso di recente. “In una sera così importante per il Conservatorio, vogliamo ricordare un musicista amatissimo, che ha contribuito con grande talento artistico e didattico alla crescita dell’istituzione”, sottolinea il direttore Mariano Meloni. “In trent’anni da insegnante ha creato una scuola chitarristica prestigiosa, che ancora oggi dà frutti, e ha ideato il concorso chitarristico internazionale intitolato a Emilio Pujol, suo maestro”.

FONTE: https://www.ansa.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.