Seconda giornata domani (sabato 15 ottobre)  per la quinta edizione del Festival Pedras et Sonus:

alle 9.30 presso il Nuraghe Cuccurada di Mogoro concerto del Tenore Murales di Orgosolo;

alle 10.30 Curcuris protagonisti il Tenore di Neoneli e il batterista Iarin Munari;

alle 15.30 a Mogoro in scena il Tenore di Orosei “Antoni Milia” Zoe Pia;

alle 19 nella sala conferenze del Nuraghe Cuccurada performance di Elio Martusciello;

alle 20.30 al Tunnel di Mogoro chiude la giornata il chitarrista Daniel D’Imperio.

 

Seconda intensa giornata tra Mogoro e Curcuris per la quinta edizione del festival Pedras et Sonus, tra gli appuntamenti musicali di spicco in Sardegna, con la direzione artistica della musicista Zoe Pia.

Domani (sabato 15 ottobrealle 9.30 presso il Nuraghe Cuccurada di Mogoro la giornata si aprirà con l’accoglienza per i più piccoli affidata all’animatrice Tatabolla, che introdurrà i partecipanti alla visita guidata nel sito archeologico. Durante il cammino e una volta giunti a destinazione, il canto del Tenore Murales di Orgosolo – con Franco Corrias (boghe), Cosimo Mureddu (bassu), Maurizio Bassu (contra) e Salvatore Musina (mesu boghe) – accompagnerà i visitatori alla scoperta del monumento millenario.  Un’ora più tardi (alle 10.30) presso la Casa Eredi Pilloni di Curcuris si terranno tre appuntamenti (preceduti come avvenuto nel giorno precedente dalle prove aperte), che vedranno in successione il concerto del Tenore di Neoneli – con Tonino Cau (bassu), Peppeloisu Piras (boghe), Ivo Marras (mesu boghe), Roberto Dessì (contra) e Angelo Piras (boghe) -, che poi incontrerà musicalmente il batterista e compositore Iarin Munari, impegnato infine con il suo concerto intitolato “Quasi solo”. Per la prima volta i progetti del festival risuoneranno in un’architettura storica sacrale, in un trittico geometrico che illumina e valorizza il Canto a Tenore, il musicista in solo e l’incontro ancestrale tra i due paesaggi sonori creati dagli artisti. Gli appuntamenti della giornata continueranno nel pomeriggio nella Chiesa di Sant’Antioco Mogoro con tre concerti sul modello di quelli proposti nella mattinata: alle 15.30 il primo a esibirsi sarà il Tenore di Orosei “Antoni Milia” – con Tore Mula (voche), Alessandro Contu (basso), Ivan Sannai (cronta), Francesco Mula (mesu voche) – successivamente impegnato con la clarinettista mogorese Zoe Pia nel concerto Indindara (nato la scorsa estate nell’ambito del Cala Gonone Jazz Festival): un’immersione sonora nel respiro ancestrale dell’isola, un flusso vitale tra l’arcaico, il sacrale, l’avanguardia e la creazione estemporanea verso l’opportunità di un viaggio conoscitivo delle intime aspirazioni dell’uomo e del suo rapporto con la vita. Zoe Pia si esibirà successivamente con il suo progetto “In solo”, punto di partenza dove si incontrano le launeddas – in veste completamente personale e dai timbri inesplorati grazie all’utilizzo dell’elettronica -, il clarinetto con loopstation, i campanacci sardi e pezzi di artigianato artistico di Maestrodascia di Ales e di Ariu ceramiche di Mogoro. Alle 19 il festival Pedras et Sonus si trasferirà presso la Sala Conferenze del Nuraghe Cuccurada, per il concerto Dangerous guitar del musicista e compositore sperimentale Elio Martusciello (preceduto dalle prove aperte). L’estetica musicale di Martusciello deriva essenzialmente dall’arte acusmatica, arricchita da composizioni per strumenti e live electronics, opera installazioni d’arte, dei multimedia, delle arti visive e dell’improvvisazione elettroacustica. A chiudere la intensa giornata del festival ci penserà in serata il chitarrista Daniel D’Imperioalle 21.30 (preceduto dalle prove aperte) presso il locale Il Tunnel di Mogoro, l’artista di Rovigo si esibirà con il progetto Smooth Jazz.

Il sipario sulla quinta edizione del festival Pedras et Sonus calerà nella mattinata di domenica 16 ottobre Paualle 9.30 si terrà la visita guidata al Parco dell’Ossidiana a cura della guida Giulia Balzano, alla quale seguirà il concerto de Su Cuncordu sas Bator Colonnas Tenore di Scano di Montiferro, con Antioco Milia (bassu), Francesco Fodde (boghe), Antonio Carboni (mesu boghe) e Stefano Desogos (contra). Alle 11.30 le attività proseguiranno con la passeggiata nei Sentieri Neri e il successivo concerto in solo della violoncellista e polistrumentista irlandese Naomi Berrill, artista e compositrice capace di attraversare diversi generi ed epoche. Di casa a Firenze, la Berrill vanta al suo attivo collaborazioni in ambito classico (con Michael Nyman, Giovanni Sollima, Mario Brunello e i 100 Cellos), jazz (Simone Graziano, Alessandro Lanzoni) e contemporaneo (AlterEgo, Time Machine Ensemble). Ispirandosi al tema delle migrazioni, di uomini e natura, traduce in musica l’esigenza del mutamento volto alla ricerca costante di una condizione migliore.

Il festival Pedras et Sonus è organizzato dall’omonima associazione (associazione Pedras et Sonus) con il sostegno del Ministero dei Beni e Attività Culturali, Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato Turismo, Artigianato e Commercio, Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport), Fondazione di Sardegna, Corsica e Sardinia Ferries, Comune di Mogoro, Comune di Curcuris, Comune di Pau, Grafik Art, Università degli Studi di Cagliari – Corso in Produzione Multimediale, Bar “La Fortezza” Nuraghe Cuccurada, Caffè Gitano, Il Tunnel, Associazione Musicale Mogorese, F.A.S.I., I-Jazz, Caligola Record, Elicona S.R.L.di Claudio Donà, Unica Radio, Associazione Time in Jazz, Associazione Sarditudine, Associazione Dromos, Ente Musicale di Nuoro, Associazione Menabò e Società Cooperativa Sociale Mariposas de Sardinia.

 

PROVE APERTE – Esclusiva attenzione sarà rivolta anche quest’anno al coinvolgimento delle nuove generazioni attraverso il progetto denominato Prove Aperte: alcune fasi dei soundcheck saranno aperte al pubblico del festival, che potrà seguirle, gustando di volta in volta una breve performance appositamente dedicata.

 

Gli appuntamenti del festival saranno sempre accompagnati dall’animatrice, esperta di bolle di sapone e palloncini Tatabolla, che si occuperà di accogliere e intrattenere il pubblico dei bambini presenti nelle giornate della manifestazione.

 

Fin dalla sua prima edizione il festival veicola le proprie comunicazioni utilizzando anche la lingua sarda, presente in ogni aspetto comunicativo a cura del dottor Francesco Grussu.

Il regista Alberto Gambato documenterà la manifestazione attraverso la realizzazione di un cortometraggio, dopo il successo riscontrato dal recente “Nàrami”, secondo documentario dedicato all’edizione 2021.

INFO E BIGLIETTI – I biglietti per i concerti del Pedras et Sonus festival costano 1 euro, mentre a ingresso gratuito sarà l’appuntamento del 15 ottobre alle 9.30 presso il Nuraghe Cuccurada di Mogoro. Per informazioni scrivere all’indirizzo pedrasetsonus@gmail.com o contattare il numero 379 1579897.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14777395

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details