IL PREMIO ALBERGHINI FESTEGGIA LA SUA SETTIMA EDIZIONE CON UN CONCERTO AL COMUNALE
Partenza in grande stile per la VII Edizione del Premio Giuseppe Alberghini, il concorso istituito nel 2015 dall’Ente intercomunale Unione Reno Galliera con lo scopo di promuovere e sostenere i giovani talenti della musica strumentale, vocale e della composizione che risiedono o studiano in Emilia-Romagna.

Per festeggiare il lancio del nuovo bando, aperto dal 21 ottobre al 24 febbraio 2023 con selezioni dal 24 marzo al 02 aprile, dodici giovani vincitori scelti fra le due precedenti edizioni, si esibiranno in concerto al Teatro Comunale di Bologna il 23 ottobre alle ore 11, nell’ambito della prestigiosa rassegna cameristica Domenica al Comunale, vetrina dei migliori talenti delle principali istituzioni musicali regionali.
Ben sette le sezioni di strumenti presenti in questa edizione: Pianoforte, Archi solisti, Fiati solisti, Chitarra classica, Formazioni strumentali cameristiche (dal duo ai 12 elementi), Musica vocale e Composizione (ogni sezione è suddivisa in specifiche categorie di età) e fra le novità, spicca l’attenzione ai gruppi di musica folk, jazz e jazz manouche (o gipsy jazz) e a tutto il repertorio operistico (per canto e piano), che si va ad aggiungere a quello vocale da camera (per canto e vari strumenti), già presente da due edizioni; il workshop con FontanaMix Ensemble rivolto ai compositori vincitori, in preparazione dell’esecuzione della propria opera all’interno delle rassegne curate dalla prestigiosa formazione bolognese di musica contemporanea, e infine l’apertura agli studenti delle Scuole Secondarie di Primo Grado a Indirizzo Musicale di tutta la Regione.
La settima edizione del Premio Alberghini mette a disposizione numerosi premi, fra riconoscimenti e borse di studio, quest’anno ancora più consistenti, una giuria qualificata e un team di esperti pianisti accompagnatori.       L’iscrizione è gratuita e dovrà essere effettuata entro il 24 febbraio 2023 compilando il modulo on-line sul sito dell’Unione Reno Galliera (http://www.renogalliera.it).
Il progetto artistico, patrocinato da Regione Emilia-Romagna e Città Metropolitana di Bologna, è sostenuto da Lions Clubs International, da Emil Banca Credito Cooperativo, All For Music – Strumenti musicali Bologna (sponsor tecnico), Lavoropiù S.p.a. e da alcuni soggetti privati che amano la musica e condividono le sue finalità, come il dott. Paolo Oliani e la dott.ssa Carla Bonfichi.
Belinda Gottardi «Il nostro progetto, nelle due precedenti edizioni segnate dalla pandemia, è riuscito a realizzare le selezioni in presenza e le iscrizioni in entrambe le annate hanno sfiorato le 300 presenze:numero straordinario, che fa comprendere come il concorso sia ormai entrato con successo nella rete degli istituti musicali regionali. Il Premio Alberghini deve il proprio successo a un costante impegno istituzionale dell’Unione Reno Galliera e a un bellissimo gruppo di lavoro, fatto di qualificati operatori del settore e generosi esponenti dell’associazionismo cui va uno speciale ringraziamento».
Gianfranco Guerini Rocco, «L’Associazione Lions Clubs international ritiene la cultura un bene essenziale e, attraverso le sue attività, concorre alla crescita dei giovani per garantire loro e alla nostra società un futuro migliore. Per questo, a livello locale, i Lions sostengono, fin dalla sua istituzione, il Premio Giuseppe Alberghini contribuendo così a gratificare l’impegno costante dei ragazzi nella ricerca dell’eccellenza».
Il Premio Giuseppe Alberghini
Viene istituito nel 2015 dall’Unione Reno Galliera da un’idea del tenore Cristiano Cremonini, con lo scopo di promuovere e sostenere i giovani talenti della musica strumentale, vocale e della composizione, di ogni 2 nazionalità, che risiedono in Emilia-Romagna o frequentano istituti scolastici della Regione. Il Premio Giuseppe Alberghini è un contest accogliente e stimolante. I ragazzi hanno l’opportunità di mettere in luce il proprio talento esibendosi in palcoscenici qualificati, di fronte a grandi professionisti del settore, e di condividere questa importante esperienza con tanti altri coetanei.
Grazie a prestigiose collaborazioni instaurate sin dalla sua nascita, quali il Teatro Comunale di Bologna (partner fondatore), Musica Insieme e Accademia Internazionale di Imola (solo per citarne
alcune), grazie al fondamentale sostegno di Lions Clubs International e a una ricca rete di rapporti fra istituzioni, enti e associazioni locali, oggi il concorso rappresenta un unicum sul territorio, confermandosi come la più grande competizione musicale regionale, in grado di abbracciare le principali tipologie di strumenti della tradizione classica. Dal 2015 ad oggi sono stati quasi 1500 i giovani talenti che hanno scelto di partecipare al concorso e fra questi quasi 200 sono stati premiati. Più di 100, invece, i professionisti di comprovata esperienza che hanno prestato la loro opera partecipando alle giurie delle varie sezioni.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14771671

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details