Mia madre è scomparsa 3 anni fa, a 93 anni, poco prima dell’inizio della pandemia, per fortuna aggiungo. Quando mi recavo da lei sentivamo le notizie che arrivavano dalla Cina. Commmentavamo il fatto che il tutto sembrava così lontano da noi . Lei mi diceva di lasciar perdere, la cosa non le interessava, forse perchè sentiva che il tempo per lei era arrivato al capolinea. Sono contenta che Alessandra Sorcinelli, stimata organizzatrice di eventi culturali, le abbia dedicato una serata per ricordarla. Era un desiderio che accarezzavo da tempo.

Mia madre era, come tante madri, una persona che aveva sofferto molto , sin dalla prima infanzia,  per via della guerra e per la miseria che ne è scaturita; per la perdita prima di un fratellino e poi di un figlio in giovane età. Quando ha perso mio padre, marito e compagno di una vita,  ed è sopraggiunto un male incurabile all’ultimo stadio, sembrava non avesse più voglia di  reagire.

Con una grande fede e la costante preghiera avviene una sorta di miracolo. Il suo male sembra addormentarsi e il desiderio di aprirsi al mondo della tecnologia è forte .  Mi chiede di aiutarla a capire cosa fosse internet. Voleva un computer e voleva imparare ad aprire ed usare un blog , perchè le parlavo sempre del mio che avevo aperto ormai da un anno ( Musicamore ). Mi impegno a darle lezioni, piccole ma costanti. Il nostro motto è sempre stato quello che tante gocce fanno il mare. Lei sapeva bene, da maestra in pensione, quanto questo funzionasse anche con gli alunni più difficili. Il blog ha iniziato a funzionare come una terapia. mettendola in contatto con amici da tutto il mondo. All’epoca non esistevano i social. Scrivere  i suoi pensieri, racconti, poesie, i suoi stati d’animo  ecc. e sapere che ogni giorno qualcuno li leggeva e interagiva con lei le davano una grande gioia.

Un giorno una giornalista RAI la contatta e le chiede di  poterla intervistare per RAI UNO. Da questo momento comincia un’ ascesa di popolarità inaspettata. Nella nostra città le persone che l’hanno vista in TV la fermano per strada. A sua insaputa invio il racconto di quest’avventura, al concorso Donna al traguardo. Qualche settimana dopo mia madre mi chiama dicendomi che aveva ricevuto una telefonata dalla presidente di un’associazione dicendole che doveva ritirare un premio. Il giorno dopo la premiazione, tutte le principali testate nazionali pubblicano la sua storia. Il telefono non smette di squillare. TV , quotidiani e riviste richiedono di intervistarla.

Da qui sono tanti  gli aneddoti simpatici che hanno accompagnato mia madre per una decina d’anni,  facendole finalmente dimenticare i momenti difficili.

Il resto però ve lo racconto durante la serata a lei dedicata.   4 gennaio alle ore 19,30 presso la Cripta di San Giovanni Evangelista a Quartu Sant’Elena, Vedi Locandina.

Ore 19- 21 Mostra Collettiva Arte Condivisa Luci in Cripta
finissage dell’esposizione degli artisti
Pittore Luciano Arrius Gabriella Zedda Annarita Atzori Raimondo Basciu Gianni Locci Paolo Cutrano Veronica Scano Vincenzo Montis Luigino Camedda Lagoona Blu Cinzia Barrago Daniela Atza Serra Gianfranco Mikelinu Alongi Franca Todde Luigi Porrà Riccardo Laria
Ore 19 21 Esposizione di presepi
Ore 19 21 La teca letteraria
Ore 19.30 serata in ricordo della prima blogger Italiana Sebastiana Aru Atzori
Ore 20.30 la genitorialità oltre la Sclerosi Multipla
Ore 20 21 momenti musicali a cura di Nanny Trincas
Si ringrazia Giorgio Ariu casa editrice GAI

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14771668

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details