Retrospectrum è la prima retrospettiva europea dedicata alle opere visive di Bob Dylan.  La mostra ripercorre il viaggio intrapreso da Dylan (a partire dagli inizi degli anni Sessanta) nel mondo dell’arte visiva, e consente di entrare in contatto con le molteplici sfaccettature di un artista a tutto tondo (musicista, poeta, pittore, scultore).

Proiezioni di video e installazioni audio aiuteranno il visitatore ad immergersi nell’atmosfera dei suoi concerti e del suo tempo. L’artista racconta i suoi numerosi viaggi attraverso le parole delle canzoni e le pennellate dei suoi quadri, che assumono colori e forme differenti a seconda di ogni periodo, mostrando la peculiare poliedricità di Dylan. Indaga il paesaggio americano e le vite dei suoi abitanti, dalla grande metropoli alle desolate distese attraversate da strade senza confini.

Il percorso si chiude con la serie delle sculture in ferro degli ultimi anni, opere che richiamano con il loro materiale l’infanzia di Dylan trascorsa nella zona mineraria del Nord del Minnesota, e che si pongono allo stesso tempo come simboli iconici del passato industriale degli Stati Uniti.

La mostra è curata da  Elena Fratini
APPUNTAMENTO: Via Guido Reni, 4 A  ROMA
IMPORTO: 10 euro (costo visita) + biglietto intero 13 euro | biglietto ridotto 11 euro (per le riduzioni consultare il sito del museo: Riduzioni Maxxi )

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14763411

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata