I rintocchi di Galusè è il titolo del nuovo libro di Roberto Brughitta  presentato ieri alla Biblioteca di Selargius, nella ormai collaudata rassegna “Libri al profumo di té”. La rassegna che è organizzata dall‘Associazione Teatrale Animus Teatro , non si limita ad una  semplice presentazione e lettura di libri ma quasi sempre offre anche musica e performance teatrali e ieri, a sorpresa , due momenti di animazione con burattini.

Lo scrittore Roberto Brughitta infatti è anche un esperto in materia, avendo collaborato con la famosa compagnia di Mauro Sarzi. In questa occasione ci ha anche spiegato la differenza fra burattini e marionette. Ta le tante cose interessanti ci ha anche parlato della figura del  “sonaggiargiu“, personaggio del suo romanzo, che consiste nell’arte  di fare i campanacci: un mestiere antico e romantico con una storia che affonda le sue radici nella tradizione sarda. Il campanaccio ha come funzione principale quella di far ritrovare un animale che si è perso, soprattutto in caso di nebbia, ma permette anche al pastore di rintracciare il gregge quando si allontana dal pascolo.

Il romanzo di Brughitta è ambientato a Tonara nei primi anni Ottanta; la placida esistenza di Giacu il “sonaggiargiu” (creatore di campanacci) è turbata dall’inaspettato ritorno in paese di Atalaia, la sorella un tempo tanto amata, con cui i rapporti si sono bruscamente interrotti anni prima. L’arrivo della donna, che porta con sé il figlio Luciano, sarà destinato a cambiare il corso della vita di Giacu e lo costringerà a fare i conti con un passato del quale è fin lì stato all’oscuro. Accompagnano la storia i rintocchi cadenzati dei campanacci di Giacu, che Roberto descrive con la sensibilità e l’efficacia che gli sono proprie. Vero e proprio linguaggio ancestrale dalle misteriose inflessioni che avvicinerà Luciano a uno zio all’apparenza così diverso da lui.

Durante la serata l’avv.  Giampaolo Manca ha dialogato con l’autore . Gli attori della compagnia Animus teatro hanno letto alcuni brani tratti dal romanzo mentre l’animazione musicale era a cura di Mauro Sollai, voce e chitarra.

Di seguito un video-documento della serata

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14771673

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details