A chi mi ha chiesto un parere sul Festival di Sanremo rispondo che quest’anno preferisco esprimermi solo alla fine di tutto. Chi mi conosce sa quanto io tenga in considerazione questa  manifestazione canora, pur non condividendone alcuni contenuti. Lo guardo principalmente per la musica e le canzoni e soprattutto per ascoltare e giudicare le voci. Inoltre mi piace vedere come si sia evoluto il genere della “canzone moderna” nel corso degli anni .

Spesso mi è capitato di pensare a come avrebbero potuto reagire i fans di Rossini e Verdi davanti alle  composizioni di Puccini e Mascagni. I musicisti del ‘900 hanno infatti  stravolto le vecchie forme musicale innovando gli schemi delle loro nuove opere.

Parlando di musica leggera, conosco bene come i fans dei cantanti come Rabagliati, Nilla Pizzi o Consolini, (mio padre era uno di quelli), abbiano reagito all’ascolto dei così detti urlatori come Mina, Modugno, Rita Pavone ecc. La musica si evolve e così gli esecutori. Il modo di comporre oggi una canzone subisce una vera e propria trasformazione. La melodia lascia il posto a note ripetitive accompagnate da una veloce sillabazione con rime più  o meno discutibili. Insomma, dobbiamo aprire le nostre menti per  poter accettare i cambiamenti.

Se ieri per noi c’erano Vanoni, Ranieri, Morandi, Battisti, oggi abbiamo Gali, Annalisa, Sangiovanni, Bigmama ecc. Ascoltiamoli e sosteniamoli in questa nuova era della canzone. Non facciamo la fine dei nostri genitori i quali sostenevano che le canzoni belle erano solo quelle dei loro tempi. Tutto cambia.

Amadeus, il presentatore che nasce come conduttore delle radio e DJ, conosce molto bene le canzoni e la loro evoluzione e, sapendo che il pubblico sanremese è composto sia da giovani che da “maturi” , ha pensato di unire le forze per non perdere nessuno spettatore, creando la serata dei duetti (che è sempre esistita anche in passato), dove i “Vecchi” e i nuovi artisti si esibiscono insieme unendo brani molto datati rispetto quelli contemporanei.

E’ una serata che aspetto ogni anno perchè nonostante tutto anche io appartengo a quella vecchia generazione, anche se non mi definirei una nostalgica.

Di seguito la scaletta dei brani di questa sera.

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779583

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details