Serata in ricordo di Gianluca Floris

Eravamo solo una piccola rappresentanza, ieri sera, al teatro, TMM di Monserrato per ricordare il tenore Gianluca Floris. Una rappresentanza di tutto ciò che lui è stato. C’erano infatti cantanti, attori,giornalisti scrittori, registi. Lui era tutto questo e ancora di più. Lo spettacolo è stato curato da Mauro Sollai con la collaborazione di Gianluca Medas Quest’ultimo, bloccato a casa causa Covid , avrebbe dovuto condurre la serata, ma ha inviato un toccante messaggio, una sorta di liturgia laica che è stata letta da Sollai.

Tanti gli amici che  si sono alternati, ognuno col proprio contributo artistico ma anche con ricordi di aneddoti simpatici, mi ha colpito in particolare quello del gestore del Bar Valentina, Giorgio Borrelli, un locale a cui Gianluca era particolarmente legato e dove invitava spesso amici per confrontarsi sugli utlimi eventi  di politica e attualità. Io stessa ho condiviso con lui in diverse occasioni un caffè ed una chiacchierata. Borrelli  ha ricordato di quanto Gianluca fosse appassionato del buon cibo e soprattutto dei suoi panini che hanno partecipato ad un concorso internzionale  vincendo come miglior panino del mondo.

In mancanza di Medas, a condurre la serata sono stati l’attore e conduttore Massimiliano Medda e suo figlio Pietro, cognato e nipote di Floris, che con la loro verve sono riusciti ad evitare che lo spettacolo risultasse una triste commemorazione. Molta ironia, sorrisi, battute, ci mancava soltanto di sentire da un momento all’altro la mitica risata tenorile.

I cantanti lirici presenti erano tutti giovani perchè Gianluca, da presidente del Conservatorio di musica, aveva a cuore il poterli aiutare nella carriera, e con alcuni era anche riuscito, come i  soprani Elena Schirru e Ilaria Vanacore, il tenore Daniele Caria accompagnati al pianoforte da Andrea Cossu.  C’erano anche miei ex allievi ora studenti del conservatorio che si sono esibiti come Ensemble Fenice. E poi c’è stato il debutto di una mia giovane allieva, il mezzosoprano Sara Spanu (accompagnata al pianoforte da Valerio Carta) ancora ai primi anni di studio ma che mostra già un grande talento, proprio come  Gianluca, che  a suo tempo  feci debuttare ad appena 8 mesi dall’inizio degli studi in canto (leggi post).

Si sono poi esibiti  artisti di diverso genere come Rossella Faa che si è accompagnata alla chitarra in un suo brano inedito ma che ci ha anche deliziato di un momento di cabaret. L’apice è stato raggiunto dal duo Elena Ledda -Simonetta Soro accompagnati alla chitarra a Mauro Palmas. Purtroppo non avendo un programma di sala non ricordo esattamente il titolo dei brani ma mi è rimasta impressa la successione di filastrocche sarde a cappella proposte appunto da Ledda-Soro.

Ha aperto la serata il duo chitarra e violino di Mauro Sollai e Giovanni Nucciarelli in un suggestivo The sound of silence e in seguito, con l’intervento di Fabio Marcello  in veste di cantante, lo stesso duo ha accompagnato il giornalista in un brano di Bob Dylan.  Roberto Deidda ci ha regalato con la sua chitarra un brano dei Pink Floyd e poi ha accompagnato Claudio Ara e Alessandra Murgia in un brano recitato.

E’ stata la volta di Nicola Agus, che ha proposto una bella performance di musica polistrumentale dal profumo  universale.

Erano diversi gli attori che hanno omaggiato Gianluca: Simeone Latini , Rossana Copez (in video), Fausto Siddi accompagnato dal metallofono di Romana Motzo, il duo comico Tiziana Troia e Michela Musio nelle vesti esilaranti di Tania e Mara.

I due registi Peter Marcias e Gianfranco Cabiddu  hanno ricordato come Gianluca sia stato in qualche modo legato agli inizi delle loro carriere. E poi tanti amici fra cui Paolo Maccioni, o il gruppo di attori dei Lapola.

La serata si è conclusa con una canto religioso che ha dato il titolo alla serata “Sento la tua voce” e che l’amico Daniele Caria ha voluto cantare in una sua versione, accompagnandosi al pianoforte.

Sul palco, la moglie Stefania Medda a chiusura dell’evento di cui è stata anche direttore artistico,  ha ringraziato tutti per la partecipazione sentita e per i preziosi

contributi.

Nelle bellissime foto di Dietrich Steinmetz alcuni momenti della serata

mezzosoprano Sara Spanu, pianista Valerio Carta, foto di Dietrich Steinmetz

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.