Si conclude con il concerto finale dello StintinoJazz Ensemble e musiche originali l’undicesima edizione di Stintino Jazz&Classica, la rassegna di musica live e masterclass partita il 4 luglio scorso nel borgo dei pescatori.
La DisOrchestra, diretta da Raffaele Puglia, è formata dai sassofonisti Giuseppe Bussu, Gianluca Deiana, Andrea Uggias, Emanuele Depalmas, Mario Careddu e Fabrizio Fresu alle trombe, Mattia Ximenes al corno, Salvatore Serra al trombone, Simone Argiolas al vibrafono e fisarmonica, Riccardo Dore alla chitarra, Andrea Budroni alle tastiere, Lorenzo Agus al contrabbasso e Federico Pintus alla batteria. I brani proposti sono tutti originali e scritti da Raffaele Puglia, Mario Careddu, Laura Giulia Veltri, Federico Pintus.
Figlia di attori e insegnanti di teatro, l'artista originaria dell'Idaho, che cita Joni Mitchell, Paul Simon, Aretha Franklin e Prince tra i suoi cantanti preferiti, ha iniziato a lavorare professionalmente in diverse produzioni teatrali di Broadway. Dopo l'incontro con colui che sarebbe diventato il suo mentore, Berry Gordy, ha firmato nel 2014 il suo primo disco, "Hunter" (2014), seguito nel tempo da altri cinque
Confronti, dibattiti, incontri, ma per i partecipanti anche tante occasioni per condividere momenti di piacevolezza e relazione: l'agenda del festival prevede infatti anche concerti e spettacoli – tra i protagonisti la cantante Noemi, lo scrittore e raccontastorie Stefano Massini, il cantautore Piero Marras - e poi visite guidate alla scoperta delle risorse naturali e culturali del territorio, e altri appuntamenti. Spazio anche per l'arte figurativa con lo street artist Manu Invisible, impegnato nella realizzazione di due opere sui temi del festival incentrate sui giovani: giovedì 27 negli spazi del Consorzio 1 Università di Oristano, e nei due giorni successivi (il 28 e 29) al Centro Giovani in zona Sa Rodia.
Al Nuraghe Palmavera (a tredici chilometri di distanza da Alghero), tra i siti più importanti e significativi della civiltà megalitica sarda, andrà in scena alle 21.30 "Il Miracolo del Narratore" (biglietto a 10 euro più prevendita), un reading-concerto liberamente tratto da "Le città invisibili" di Italo Calvino;  protagonisti tre nomi di primo piano nel panorama jazzistico isolano: il chitarrista Marcello Peghin, il contrabbassista Salvatore Maltana e il batterista Massimo Russino,
La carriera di Stanislav Surin inizia a Bratislava e prosegue poi a Vienna e Graz. Come solista si è esibito in diverse occasioni con l’Orchestra Filarmonica Slovacca e ha tenuto concerti in Europa, Stati Uniti, Messico, Canada, Russia, Kazakistan, Uzbekistan, Taiwan, Hong Kong e Giappone. Ha registrato diversi CD ed è fondatore e organizzatore di festival organistici nel suo Paese d’origine, dove insegna all’Istituto di musica sacra della facoltà di Teologia dell’Università Cattolica di Ružomberok. Svolge il ruolo di consulente per il restauro di organi storici e per la costruzione di nuovi strumenti. È inoltre compositore, autore della Messa di Trnava e di diverse opere basate su testi ecclesiastici e liturgici. È stato insignito del premio “Bach” dall’Associazione Ars Ante Portas e nel 2016 ha ricevuto il premio “Fra’ Angelico” della Conferenza episcopale slovacca per il contributo dei valori cristiani nell’arte. 
l gruppo è composto da Edoardo Rosa (sax soprano), Giuseppe Bussu (sax contralto), Gianluca Deiana (sax tenore) e Francesco Scognamillo (sax baritono) e vede la luce nel 2022 dall’incontro di alcuni allievi della classe di saxofono del docente Enea Tonetti, con l’intento di ripercorrere i passi del repertorio del quartetto di sax dalle origini ai nostri giorni. Guardando anche al presente e al territorio sardo, BatorSax si propone di collaborare con compositori emergenti dando voce a brani inediti commissionati e scritti per questa formazione.
Ritorna dal 19 luglio al 25 agosto l'appuntamento con il festival Dromos, organizzato dall'omonima associazione culturale, che quest'anno soffia sulle ventisei candeline con la consueta formula itinerante tra vari centri e località della provincia di Oristano: dallo stesso capoluogo alla sua frazione di Donigala Fenughedu, da Fordongianus a Morgongiori, da Neoneli a Cabras, passando per Marrubiu e Nureci, fino a Tadasuni ("new entry" nel circuito di Dromos) per celebrare un'edizione che si riconosce sotto il titolo Change. Puoi. Un titolo che suona come un invito a riflettere sullo stato attuale del mondo e sull'urgenza di un cambiamento cui ognuno può contribuire. Perché se il futuro si presenta incerto, come sottolinea la curatrice d'arte Chiara Schirru nel suo testo che introduce al tema del ventiseiesimo Dromos, insieme ai rischi riserva anche «grandi opportunità e ogni individuo è chiamato a decidere se piegarsi agli eventi o ascoltare quell'esortazione all'azione, quel YOU CAN generato dalla parte più profonda e sapiente del nostro sentire, che spinge verso una visione dell'uomo e del mondo unitario e omnicomprensivo, capace di oltrepassare ogni frammentazione, ogni confine fisico, mentale e culturale». Perché «Il tempo delle giustificazioni sembra essersi consumato e non serve più dire che non abbiamo alcun potere o possibilità di fare niente, ogni uomo è chiamato a fare la sua parte, almeno tentare.»
Corso GRATUITO dedicato a tutti gli appassionati di musica Jazz, grazie al quale potrai finalmente scoprire gli aneddoti e le curiosità di questo straordinario genere musicale, diventato oggi un vero e proprio fenomeno po
Cantautore, poeta, scrittore, artista poliedrico, sulle scene da più di trentaquattro anni, con dodici album in studio e tre live all'attivo e centinaia di concerti da "tutto esaurito": è Vinicio Capossela il primo nome svelato da Time in Jazz   tra i protagonisti della  trentasettesima edizione  del festival ideato e diretto da  Paolo Fresu , in calendario nel consueto periodo,  dall'8 al 16 agosto , tra Berchidda   e gli altri centri del nord Sardegna
Tharros sarà ancora una volta lo scenario più spettacolare dell'estate musicale del festival Dromos, grazie al sostegno della Fondazione Mont'e Prama in collaborazione con il Festival Letterario dell'Archeologia, a cinquant'anni dal ritrovamento dello straordinario complesso statuario di Mont'e Prama.
Time in Jazz sbarca a Roma per partecipare a Take Five, la rassegna in programma da venerdì 15 a domenica 17 alla Casa del Jazz, che mette in vetrina i progetti originali dei Centri di Produzione Musica dedicati al jazz nati lo scorso anno con il sostegno del Ministero della Cultura; sono cinque organismi, tutti aderenti all'associazione nazionale I-Jazz:
Sarà una serata dedicata al batterista Billy Sechi , talentuoso batterista jazz scomparso prematuramente nel 2005, […]
L’Associazione Kairós diretto da Emanuele Piras, sta per compiere il suo terzo anno di attività ma […]
A Cagliari da mercoledì 13 Forma e Poesia nel Jazz 26^ edizione con Cinque serate di […]
 Cala il sipario sull’ottava edizione del festival San Teodoro Jazz: domani (martedì 5 settembre) alle 18 […]
Nuova serata densa di eventi stasera, 2 settembre a Cagliari, per il diciassettesimo Karel Music Expo, il festival ideato e organizzato dalla […]
Dopo una piccola sosta estiva, L’Associazione Incontri Musicali torna ad accompagnare il nostro tempo libero con […]
Taglio del nastro per la trentacinquesima edizione di Nuoro Jazz. Domani sera (mercoledì 23), alle 21, […]
 L’ottava edizione del festival San Teodoro Jazz prenderà il via venerdì 1 settembre nella spiaggia di Isuledda
Romanzo giallo di
Ignazio Salvatore Basile
clicca sulla foto
Iscriviti con la tua email per essere sempre aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Theitalianfoodaholic
Italian Food and Travel
Curiosità al Teatro Lirico

Archivi
Le mie videointerviste

</

Personaggi e interviste (1)

Francesco Demuro tenore

Visitatori

14779815

Le mie interviste per la Banca della memoria

Banca della memoria
Seguimi su Twitter
Racconti tra sogno e realtà

I corridoi del teatro

Era la prima volta (1 parte)

Era la prima volta (2 parte)

Assurdità in teatro

Un matrimonio molto singolare

Napoli: scippo con sorpresa finale

La bottega del quartiere

A.A.A. ragazzo timido cerca fidanzata

Details